Le donne ostacolano il diritto all’aborto tanto quanto gli uomini

A seguito della legge anti-abortista dell’Alabama che impedisce l’aborto anche nei casi di incesto e stupro, si è riaffermata la narrazione femminista su come sia “colpa degli uomini per tutte le leggi antiabortiste” e “se gli uomini avessero potuto abortire, l’aborto sarebbe stato legale da sempre” (frase assurda, anzi, vera e propria follia, considerando che avviene invece proprio l’opposto: i diritti riproduttivi femminili sono legali mentre quelli maschili, come la rinuncia di paternità, no). Vi sono addirittura foto come questa, che recita: “Il 77% dei leader anti-aborto è composto da uomini. Il 100% di loro non resterà mai incinta”:

La cifra non ha fonte, e sembra inventata, non sappiamo quindi se sia vera o meno. Eppure, anche se lo fosse, sappiamo che esistono, a causa dei ruoli di genere, differenze nella scelta dei lavori, e quello di politico, che sia politico parlamentare o leader di un movimento politico, è un lavoro a maggioranza maschile. Essendo perciò un fattore trasversale all’intera classe politica, è la maggiore presenza degli uomini in politica che renderebbe gli uomini il 77% dei leader anti-aborto (sempre se tale cifra risultasse vera), e non la maggiore o minore percentuale di antiabortisti tra gli uomini o tra le donne nella popolazione generale, come invece si lascia ingannevolmente intendere.
Andando a vedere infatti come si divide l’opinione della popolazione in generale, possiamo comprendere quanto le responsabilità per l’esistenza dell’antiabortismo siano divise tra i sessi.
In questo modo possiamo notare come le donne siano responsabili quanto gli uomini nella creazione e nella perpetuazione del sistema che ostacola il diritto all’aborto.

Prima di tutto, però, chiediamoci: perché questo tema ci interessa così tanto? Non è forse una questione marginale? Le femministe in fondo hanno sempre parlato contro certe donne che si oppongono all’aborto.
E’ vero, ne hanno parlato, ma ne hanno sempre parlato come di una minoranza. La fetta maggiore di responsabilità, la colpa, l’hanno sempre attribuita agli uomini.
Ovviamente dimostrare che le donne non siano solo una piccola minoranza ma abbiano la stessa identica responsabilità degli uomini nel creare il sistema antiabortista si inserisce nel dibattito tra la visione del mondo femminista, che poggia sulla Teoria del Patriarcato (la quale afferma che gli uomini siano oppressori del genere femminile), e la nostra visione del mondo, che si basa sulla Teoria del Bisessismo, secondo la quale il sistema di genere sarebbe sostenuto in maniera paritaria tra uomini e donne: uomini e donne sarebbero ugualmente co-carnefici e co-creatori del sistema dei ruoli di genere, che quindi non potrebbe più logicamente essere denominato “patriarcato”, perché gli uomini contribuirebbero ad esso nella stessa misura delle donne.

Ovviamente vi sono questioni specifiche in cui un’adesione paritaria non sussiste, ma si tratta solitamente di casi molto poco rilevanti nel dibattito pubblico: nelle questioni di genere risulta invece spesso presente una sostanziale adesione del genere femminile anche nella stessa negazione dei propri diritti, equivalente o addirittura maggiore rispetto alla percentuale maschile. Ad esempio, nel 1895, alle donne del Massachusetts fu chiesto dallo stato se desiderassero il suffragio. Delle 575.000 donne votanti nello stato, solo 22.204 si presero il disturbo di depositare in una scheda elettorale una risposta affermativa a questa domanda. Cioè meno del 4% desiderava il voto; mentre all’incirca il 96% delle donne era contrario al suffragio femminile o indifferente ad esso.

Ovviamente, considerato ciò, descrivere la percentuale di donne antiabortiste come “una piccola minoranza” risulta ingannevole e fuorviante, servendo semplicemente ad alimentare il sentimento di odio verso il genere maschile.

Vox ci ha mostrato che numerosi sondaggi hanno infatti evidenziato come le opinioni sull’aborto tra uomini e donne non cambino di molto tra loro.
Un sondaggio di PerryUndem e Vox che ha provato a catturare le diverse idee americane sull’aborto ha sottolineato che gli statunitensi tendono a non usare i termini “pro-vita” e “pro-scelta” in maniera rigida: certe volte non li vedono neanche in maniera mutualmente esclusiva (ritroviamo infatti le opzioni “entrambi” e “nessuno dei due”). Inoltre ha mostrato che uomini e donne hanno la stessa probabilità di descriversi come “pro-scelta”, mentre le donne hanno leggermente più possibilità degli uomini di descriversi come “pro-vita”:

Altri sondaggi che hanno fatto domande diverse hanno raggiunto conclusioni sostanzialmente simili. Nei dati, divisi per anni e serie temporali, condotti dall’agenzia di analisi Gallup, le donne hanno leggermente più probabilità di dire che l’aborto dovrebbe essere legale in tutte le circostanze, ma anche leggermente più probabilità di affermare che l’aborto non dovrebbe essere legale in nessuna circostanza.

E questo non è solo un capriccio della politica americana. Pew ha effettuato una grande comparazione internazionale che mostra quante persone, in tutti i Paesi, ritengono che l’aborto dovrebbe essere legale “in tutti o nella maggior parte dei casi”. Ha trovato divari di genere (e neanche qui così enormi; senza contare poi che non ha valutato il divario di genere su chi pensa che l’aborto dovrebbe essere sempre o quasi sempre illegale, aspetto che nel precedente sondaggio dava anch’esso una maggioranza femminile) solo in una manciata di Paesi come l’Armenia e il Portogallo, ma la situazione dei restanti Stati è che le differenze tra uomini e donne nel sostegno all’aborto in ogni caso o in quasi ogni caso non siano significative.

Eppure, nonostante questi dati, vi sono articoli come “Every Senate Vote for Alabama’s Abortion Ban Was From a White Man” di HuffPost, che mirano a identificare il nemico non nel sentire comune di donne e uomini antiabortisti, con una responsabilità condivisa di entrambi i generi, ma solo ed esclusivamente negli uomini.

Cito in proposito un’osservazione che gli amministratori di Hombres, género y debate crítico hanno fatto a queste asserzioni:

“Questo articolo offre l’impressione che la legge anti-abortista dell’Alabama sia una cospirazione maschile per controllare i corpi delle donne. “Tutti i voti al Senato per la legge erano di uomini bianchi.” Ma è così? Vediamo i dettagli.

Come indica lo stesso articolo, vi sono 27 senatori repubblicani. 25 hanno votato a favore, le restanti due, donne, si sono astenute. Coloro che hanno votato contro erano tutti democratici. L’allineamento politico ci dice più del sesso nel votare?

Il promotore della legge, che ha avuto inizio nella Camera dei rappresentanti, è Terri Collins, donna e repubblicana. La governatrice che ha firmato la legge (avrebbe potuto porre il veto o lasciarla passare senza la sua firma), anche, Kay Ivey.

Se analizziamo i voti nella Camera dei Rappresentanti, vedremo che sette donne hanno votato a favore della legge, mentre una donna ha votato contro. Ancora una volta, gli allineamenti politici sono più importanti del sesso. Ripeto, 7 a 1.

E possiamo anche vedere nel link precedente per notare che quelli che hanno votato “no” alla legge erano due uomini e una donna.

Al contrario, coloro che hanno affermato che le leggi statali che proibivano l’aborto erano incostituzionali nel caso Roe v. Wade erano tutti maschi. Sì, era il 1973, quindi anche questo è molto sorprendente per la narrativa femminista delle donne che al tempo avrebbero “lottato contro il sistema maschile”. Sistema che invece, come notiamo, non era responsabilità unicamente maschile.

Quello che intendo concludere è che non si tratta di uomini contro donne, ma di opposte posizioni ideologiche. Niente di nuovo sotto il sole.


La votazione nella camera dei rappresentanti:

https://legiscan.com/AL/rollcall/HB314/id/855346

Annunci

Fingere l’auto-difesa per non finire in carcere: come le donne violente riescono a farla franca

“Mentire è un mezzo elementare di auto-difesa”

Purtroppo sembra che non si possa parlare dell’atteggiamento generale che le persone hanno verso determinate notizie senza dover parlare anche delle notizie in sé. Invece io vorrei parlare proprio di questo, della *reazione* alla notizia sulla (presunta) legittima difesa da parte della figlia patricida, non tanto del caso di cronaca in sé. La riflessione che sto per fare avrebbe quindi senso anche se si trattasse effettivamente di legittima difesa, perché riguarda quello che la gente pensa dell’evento e i meccanismi con cui si formano le loro opinioni a caldo, piuttosto che l’evento stesso.

Partiamo dal fatto che la nostra società ormai è una società la cui percezione è governata dai media. Non andiamo a vedere le statistiche degli eventi, ma prendiamo quei due-tre casi di cui il TG può parlare e li estendiamo per analogia e bias di conferma alle altre migliaia di casi simili. Questo fa sì che anche l’opinione della gente si modifichi in base a cosa vada di moda in quel momento tra i TG, per cui in passato il pericolo sembravano essere gli albanesi e tutti giù a dar contro agli albanesi, poi sono apparse le notizie sui romeni e tutti giù a dar contro ai romeni e così via. Per carità, può capitare che una maggiore attenzione del TG a un tema piuttosto che a un altro sia specchio della sua maggiore presenza, ma non è automatico. Ad esempio per un certo periodo i TG si erano focalizzati sulle morti per parto, quando le statistiche ci dimostrano che rappresentano lo 0,qualcosa% del totale. Eppure, a sentire loro, sembrava di essere tornati all’Ottocento.

Il problema quindi è anche come una notizia viene presentata, e a cosa venga data maggiore enfasi. Nel caso in cui i TG diano enfasi all’autodifesa, quello che mi viene spontaneo chiedere è: “perché nessuno testa questa ipotesi? Perché nessuno dice ‘hey ma come facciamo a fidarci delle parole dell’assassina? È evidente che abbia conflitti d’interesse'”. Perché nessuno si chiede: “cosa dice l’autopsia? Conferma o disconferma questa versione?”. Perché, nel caso in esame, gli esami autoptici non vengono esaminati prima delle dichiarazioni delle assassine? Perché le dichiarazioni delle assassine vengono viste in automatico come vere? Perché non parliamo di lui come vittima (essendo morto per mano della donna, che ha ammesso l’atto), ponendo enfasi sul dato che tutti confermano (ovvero che sia stato ucciso da lei) e solo nel caso, qualora l’autodifesa venisse a galla (dato non ancora confermato né analizzato), rovesciare questa descrizione? Perché la dichiarazione della persona con maggior conflitto d’interessi deve valere quanto il dato fattuale dell’uccisione, prima ancora che tale dichiarazione sia stata valutata? Perché il fatto che una persona sia stata violenta in passato rappresenta, nel caso delle donne che uccidono gli uomini, la prova che lei si sia solo difesa, mentre nel caso degli uomini che uccidono le donne, la prova che lui non fosse veramente vittima e che fosse anzi lui il vero abusante?Tornando al caso in esame, perché non si pensa a quanto le dichiarazioni di autodifesa coincidano o meno con i danni ritorvati sul corpo del padre e su quello della figlia? Perché nessuno pensa “ah ma come mai la coltellata è avvenuta in quel punto piuttosto che in quest’altro? Questo punto, nella dinamica del litigio, è più probabile che venga preso nei casi di autodifesa o si sposa più con la ricostruzione di un atto deliberato di violenza di lei verso lui?”

Non c’è nessuna riflessione di questo tipo nel dibattito pubblico. Non viene proprio in mente. La potenza dell’enfasi posta dai TG sull’autodifesa, del suo DARE PER SCONTATO che sia così, è più forte dell’evidenza dei fatti. La portata della narrazione corrente ha un peso maggiore rispetto alla meticolosità e alla giusta analisi delle prove.

Eppure, se mezza Italia ha paura che una legge permissiva sulla legittima difesa contro chi ti entra in casa possa portare a omicidi per vendetta camuffati da autodifesa, come mai nessuno pensa che ciò possa avvenire, che anzi ciò sicuramente avvenga, in molti casi di donne che ammazzano uomini?

Considerato tutto ciò, è evidente come il modo in cui tutti i media riportano questa e altre notizie di uccisioni di uomini da parte di donne, i commenti dei giornalisti e quelli della gente, rappresentino un esercizio spaventevole di bias ginocentrico. Quella ragazza potrebbe tranquillamente essere un’assassina e per la gente è diventata una santa, solo per via dell’enfasi data dai TG, e non certo per esiti dell’autopsia che confermassero o meno la versione della donna.

E questo è possibile dirlo indipendentemente dalla vicenda in sé. Perché non parliamo del caso ma della reazione da parte della popolazione, del doppio standard nella valutazione. Non importa se sia o meno realmente autodifesa, ma PERCHÉ e IN BASE A COSA la gente pensi in automatico che lo sia.Questo, questo è spaventoso. Questo è terribile. Questo è da cambiare.

[A.]

PS: Chi commenterà “fate attenzione, secondo me è stata legittima difesa perché…” riceverà in omaggio un bello zero spaccato in comprensione del testo.

Breve nota su stupri e omicidi

È opinione diffusa che le pene detentive per stupro siano sempre troppo poco severe. Se si chiede alle persone quale debba essere la loro durata, si ricava l’impressione che esse debbano essere aumentate indefinitamente, fino ad eguagliare o addirittura superare quelle per omicidio. Quest’idea non deriva in realtà dal fatto che la gente ritenga lo stupro, di per sé, come paragonabile in gravità all’omicidio, ma dal fatto che lo stupro è visto erroneamente come un crimine di cui solo le donne sono vittime. A causa di un famigerato bias, questo aumenta esponenzialmente la sua gravità agli occhi della gente, arrivando a far percepire lo stupro su una donna come più grave non solo dello stupro su un uomo, ma anche dell’uccisione di quell’uomo stesso.
Quando la vittima di stupro è un uomo, infatti, nessuno scende in piazza a chiedere un inasprimento delle pene per la stupratrice; e addirittura le proteste per gli sconti di pena agli assassini sono di intensità inferiore rispetto alle manifestazioni femministe e all’indignazione che corre sui social nel caso dello stupro.

Anche se si volesse proporre l’equiparazione delle pene per i due reati in base a un ragionamento meramente filosofico (“con la morte smetti di soffrire mentre con forti traumi, mutilazioni ecc. continui a soffrire per molto tempo”), questo non reggerebbe poi tantissimo: la morte è irreversibile, mentre la sofferenza per il trauma dello stupro può (e deve!) essere superata, magari con l’aiuto di uno psicoterapeuta. Esistono sofferenze, come quelle per la perdita di un arto e conseguente disabilità, che sono effettivamente irreversibili (un arto non ricresce). Ma come si fa a dire la stessa cosa, a priori, per lo stupro? Ritornare alla normalità è possibile, così come è possibile ritornare alla normalità dopo aver perso tragicamente uno dei propri cari ed aver elaborato il lutto. Altrimenti che facciamo, proponiamo l’eutanasia per chiunque abbia subito gravi traumi psicologici? Non bisogna prendere troppo alla lettera la frase “avrei preferito morire”, spesso pronunciata in queste tragiche situazioni. Sebbene la percentuale di suicidi e tentativi di suicidio tra chi soffre molto sia relativamente alta, essa (per fortuna) non arriva ad essere la maggioranza, e questo ci suggerisce che la morte non è davvero considerata preferibile a queste sofferenze.

Dobbiamo inoltre pensare al fatto che, in caso contrario, un tale approccio promortalista rappresenterebbe una rivoluzione copernicana, un sovvertire tutto un sistema di valori – quello della vita come bene supremo – profondamente radicato in tutte le società umane. La diffusione su larga scala di una tale filosofia è da considerarsi improbabile se non impossibile: di conseguenza, più o meno qualunque equiparazione tra omicidio e stupro avverrebbe per un’altra motivazione, ossia quella ginocentrica di cui abbiamo parlato due paragrafi fa. Sarebbe quindi da interpretare come un grave sintomo dell’empathy gap.

Ricapitolando:

Lo stupro non è di genere. La sua gravità è simile a quella del pestaggio, e il crimine peggiore di tutti resta l’omicidio. Se la vostra sensazione “di pancia” è diversa, è perché inconsciamente vedete lo stupro come un crimine che ha le donne per vittime, e l’empathy gap fa il resto. Questo è verificabile nel momento in cui vi accorgete di provare maggiore indignazione per uno stupro che per un omicidio, e al contempo maggiore indignazione per un omicidio che per un pestaggio.

Detto questo, avere dei bias è normalissimo e non c’è nulla da vergognarsi. Saggio non è chi dice di non averne (lì mi verrebbe da sospettare l’effetto Dunning-Kruger), ma chi li riconosce e attivamente li combatte.

[H.]

L’immagine che accompagna l’articolo è una (utile) semplificazione e non va intesa come classificazione esaustiva di tutte le forme di violenza.

Femminismo è Teoria del Patriarcato, ecco le prove

Sebbene buona parte di coloro che contestano il femminismo siano effettivamente tradizionalisti, ossia gente che vorrebbe tornare ai vecchi ruoli, una critica progressista al femminismo può e deve esistere. Questa critica non è rivolta ai diritti femminili, ma ad un aspetto fondamentale della teoria (e della pratica) femminista: l’idea di Patriarcato. Parliamo di una teoria secondo la quale, nel corso della storia, gli uomini avrebbero sempre dominato le donne, opprimendole e relegandole nei ruoli peggiori. Come abbiamo spiegato in molti altri nostri articoli, le società umane sono nate invece come bisessismi, ossia sistemi di ruoli di genere che conferivano vantaggi e svantaggi ad entrambi i sessi. Tali ruoli opprimevano uomini e donne in modi diversi ma con la stessa intensità, come prezzo da pagare per la sopravvivenza in epoche molto più difficili di quella attuale.

La visione del mondo su cui si basa il femminismo, quella patriarchista, è quindi completamente sbagliata, basandosi essa su mere apparenze e interpretazioni distorte. Le conseguenze di questo enorme fraintendimento? Il femminismo, vedendo solo metà del sistema di genere, ha pensato che gli uomini avessero già tutti i diritti di questo mondo, e che per raggiungere la parità dei sessi bisognasse agire solo per le donne. Ed è questo ciò che ha fatto, ignorando completamente le problematiche maschili. O meglio, prima non si è accorto della loro esistenza, e oggi che gli MRA gliele fanno notare, continua a negarle o sminuirle. Il motivo è semplice: dare il dovuto spazio a tali questioni vuol dire ammettere di aver sbagliato tutto. Vaglielo a dire a chi si è identificato tutta una vita col femminismo, dedicandogli anni di militanza.
La Teoria del Patriarcato non è quindi solo un’analisi storicamente sbagliata, ma anche, per dirne una tra tante, una porta sprangata che chiude i centri antiviolenza agli uomini, e più in generale un lucchetto per tenere questi ultimi rinchiusi nella gabbia del loro ruolo di genere. Che avvenga consciamente o inconsciamente, volontariamente o involontariamente, con cattiveria o con un sorriso sulle labbra, questa credenza porta inevitabilmente a un grave immobilismo nei confronti delle questioni maschili.

“Questo lo dite voi! Dove sono le prove che il femminismo sia legato a una specifica teoria?”

Dopo aver riassunto brevemente le puntate precedenti, con questa domanda giungiamo al vero e proprio fulcro dell’articolo.
Il femminismo è indissolubilmente legato al patriarchismo fin dalla sua nascita. Di per sé, questo sarebbe già ampiamente intuibile dal nome del movimento e dal suo aver agito solo per le donne. Che senso avrebbe avuto concentrarsi sulle battaglie di un solo sesso se si fossero ritenuti entrambi uomini e donne ugualmente oppressi? Nessuno. Il movimento femminista non avrebbe avuto alcun senso senza il presupposto patriarchista. Non sarebbe mai nato, o al limite sarebbe nato assieme a un movimento per i diritti maschili, cosa che non avvenne.
Ma se questo non dovesse bastare a convincervi, andiamo a vedere direttamente le fonti storiche.

Del patriarchismo intrinseco al femminismo troviamo testimonianza già in quello che viene ritenuto da molti il documento di nascita di questo movimento, la Convenzione di Seneca Falls (1848). Nel testo, infatti, si legge: “La storia del genere umano è una storia di ricorrenti offese e usurpazioni attuate dall’uomo nei confronti della donna, al diretto scopo di stabilire su di lei una tirannia assoluta”.

Altri invece retrodatano la nascita del femminismo al 1791, anno della pubblicazione della Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, di Olympe de Gouges. Anche questo documento, però, è apertamente patriarchista. Questo è ciò che si legge nel preambolo (il grassetto è mio, come per tutte le citazioni da qui in avanti): “Uomo, sei capace d’essere giusto? È una donna che ti pone la domanda; tu non la priverai almeno di questo diritto. Dimmi? Chi ti ha concesso la suprema autorità di opprimere il mio sesso? La tua forza? Il tuo ingegno? Osserva il creatore nella sua saggezza; scorri la natura in tutta la sua grandezza, di cui tu sembri volerti raffrontare, e dammi, se hai il coraggio, l’esempio di questo tirannico potere. Risali agli animali, consulta gli elementi, studia i vegetali, getta infine uno sguardo su tutte le modificazioni della materia organizzata; e rendi a te l’evidenza quando te ne offro i mezzi; cerca, indaga e distingui, se puoi, i sessi nell’amministrazione della natura. Dappertutto tu li troverai confusi, dappertutto essi cooperano in un insieme armonioso a questo capolavoro immortale. Solo l’uomo s’è affastellato un principio di questa eccezione. Bizzarro, cieco, gonfio di scienza e degenerato, in questo secolo illluminato e di sagacia, nell’ignoranza più stupida, vuole comandare da despota su un sesso che ha ricevuto tutte le facoltà intellettuali; pretende di godere della rivoluzione, e reclama i suoi diritti all’uguaglianza, per non dire niente di più.”

E ancora:

“Articolo IV. La libertà e la giustizia consistono nel restituire tutto quello che appartiene agli altri; così l’esercizio dei diritti naturali della donna ha come limiti solo la tirannia perpetua che l’uomo le oppone; questi limiti devono essere riformati dalle leggi della natura e della ragione.”

L’errore fondamentale del femminismo, quello di considerare gli uomini come oppressori e non come soggetti da liberare dai loro ruoli di genere al pari delle donne, era quindi presente già dalla nascita del movimento. Come era ovvio, d’altronde.

Prendiamo ora in considerazione l’ipotesi che, nonostante il femminismo sia nato patriarchista, ora esistano correnti femministe libere da questo presupposto tossico e che continuano ad usare questo nome solo per motivi di continuità storica. Vediamo cosa hanno da dire vari studiosi in merito ai principi fondamentali che accomunano queste correnti tanto variegate.

Kenneth Clatterbaugh, professore di filosofia all’Università di Washington, scrive: “L’Anti-femminismo nelle sue varie forme nega uno o più dei tre principi generali che sono alla base della teoria femminista. Tutte le forme di femminismo accettano come abbastanza evidenti i seguenti principi. Primo, le disposizioni sociali tra uomini e donne non sono né naturalmente né divinamente determinate. Secondo, le disposizioni sociali tra uomini e donne favoriscono gli uomini. E terzo, esistono azioni collettive che possono e devono essere adottate per trasformare queste disposizioni in disposizioni più giuste o eque”. [1]

La filosofa politica Susan James scrive nella Routledge Encyclopedia of Philosophy che il femminismo è “fondato sulla credenza che le donne siano [ingiustamente] oppresse o svantaggiate rispetto agli uomini” (sebbene le femministe abbiano “molte interpretazioni delle donne e della loro oppressione”). [2]

L’autore e accademico femminista Michael Kaufman afferma in un articolo del 1999 che “l’idea di fondo del femminismo è l’ovvio fatto che quasi tutti gli esseri umani attualmente vivono in sistemi di potere patriarcale che privilegiano gli uomini e stigmatizzano, penalizzano e opprimono le donne”. Sebbene egli poi affermi che il “potere” degli uomini danneggi anche loro stessi, la sua posizione in merito è chiara: “Con questo non intendo equiparare il dolore degli uomini con le forme sistemiche e sistematiche dell’oppressione delle donne”. [3]

Nella Stanford Encyclopedia of Philosophy si legge che “l’affermazione che le donne siano sistematicamente in una posizione di subordinazione e che quest’ultima abbia un grave impatto sulla vita delle donne è il filo conduttore del femminismo”. [4]

Infine, citiamo i geopolitici Joe Painter e Alex Jeffrey: “Il femminismo è un movimento molto variegato, ma in generale si concentra sulla posizione diseguale delle donne e del femminile nei confronti degli uomini e del maschile”. [5]

In sintesi, sebbene il femminismo sia pieno di disaccordi interni, questi riguardano la natura del sistema che – sempre secondo il femminismo – porrebbe le donne in una situazione di svantaggio/oppressione, e non vertono sull’essere d’accordo o meno sul fatto che le donne se la passino peggio degli uomini.

Abbiamo quindi appurato che il femminismo non solo è nato patriarchista, ma lo è ancora oggi. E per quanto riguarda il futuro? Potrebbe smettere di esserlo e restare allo stesso tempo femminismo?
Essendo ormai definito da quella stessa teoria, un femminismo non patriarchista susciterebbe le stesse perplessità di un qualunque ossimoro. Semplicemente, non sarebbe femminismo. Ciononostante, una manciata di persone che per i motivi più disparati si definiscono così può esistere. Questa scelta è altamente personale e va rispettata; da rigettare, invece, la pretesa che si smetta di associare il femminismo alla Teoria del Patriarcato. Così come non si può smettere di associare le religioni abramitiche alla fede in un solo Dio, il tradizionalismo alla conservazione di norme sociali immutabili, o qualsiasi altra filosofia o ideologia alle rispettive idee cardine.


[H.]

Riferimenti

[1] Clatterbaugh, K. (2007). Anti-Feminism. In M. Flood, J. K. Gardiner, B. Pease, & K. Pringle (Eds.), International Encyclopedia of Men and Masculinities (pp. 21-22). New York, NY: Routledge. – https://books.google.it/books?id=T54J3Q_VwnIC&printsec=frontcover&dq=International+Encyclopedia+of+Men+and+Masculinities&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjLxdex9OLaAhUNPsAKHS_TCD0Q6AEIKzAA#v=onepage&q=anti-feminism&f=false

[2] James, S. (1998). Feminism. In E. Craig (Ed.), Routledge Encyclopedia of Philosophy. London, UK: Routledge. Retrieved from https://www.rep.routledge.com/articles/thematic/feminism/v-1

[3] Kaufman, M. (1999). Men, Feminism, and Men’s Contradictory Experiences of Power (pp. 59-60). London, UK: SAGE Publications. – http://www.michaelkaufman.com/wp-content/uploads/2009/01/men_feminism.pdf

[4] Willett, C., Anderson, E. & Meyers, D. (1999). Feminist Perspectives on the Self. In E. N. Zalta (Ed.), The Stanford Encyclopedia of Philosophy (Winter 2016 Edition). Retrieved from https://plato.stanford.edu/archives/win2016/entries/feminism-self/
[ https://archive.fo/gjw1K#selection-533.92-533.235 ]
[5] Painter, J. & Jeffrey, A. (2009). Political Geography: An Introduction to Space and Power (2nd ed., pp. 59-60). London, UK: SAGE Publications.

La grande menzogna del femminismo: seconda intervista con Santiago Gascó Altaba

Santiago Gascó Altaba, autore de La grande menzogna del femminismo, ci ha concesso una seconda intervista (qui il link alla prima). Abbiamo colto l’occasione per approfondire insieme a lui alcune questioni chiave: il potere informale, la libertà di movimento delle donne, il legame tra voto e leva, e infine la caccia alle streghe. Cominciamo!

Domanda #1: Nel tuo libro parli di come, nell’ambito religioso, “la religione del padre muore con il padre mentre quella della madre si trasmette nei figli e parenti”. Fai anche l’esempio di numerose mogli di re potenti che su questo fronte hanno promosso riforme religiose convincendo i mariti. Ti chiedo dunque: a tuo avviso esiste un potere informale femminile anche nelle decisioni politiche? Come si esplica? Era codificato, e se sì, come? Come funzionava e che tipi di potere femminili esistevano? Ovviamente escludiamo in questo discorso e per il momento le numerose monarche di sesso femminile.

Risposta: La comprensione del potere informale femminile è fondamentale per la comprensione del mondo, delle relazioni tra i sessi e del femminismo. Non soltanto sospettiamo tutti della sua esistenza, ma ne siamo convinti: tutti sappiamo che esiste un potere visibile, perlopiù maschile, e un potere meno visibile, informale, perlopiù femminile. Ci sono molti modi in cui le donne esercitano questo potere, e l’argomento difficilmente si lascia racchiudere nelle poche righe di questo colloquio. Nella mia opera ve ne sono numerosi esempi, anche se questo argomento viene trattato più approfonditamente nel secondo volume. L’arma degli uomini per imporre la propria volontà è principalmente una, esplicitamente dichiarata dalle femministe: la forza fisica. Invece le armi delle donne sono molteplici: la seduzione, la bugia, l’intrigo, l’amore, la bellezza,… ; armi più complesse e più difficili da codificare. L’esistenza di questo potere informale è pienamente ammessa persino dalle femministe, e soprattutto nel secondo volume ho inserito molte loro citazioni a riguardo. Faccio due esempi veloci sulle tipologie di donne che più rappresentano questo potere: la madre e la moglie (o compagna, o amante). Quante sono state le decisioni politiche prese nei saloni, e soprattutto nelle stanze da letto del palazzo reale? Simone de Beauvoir scrive ne Il secondo sesso: “Le grandi favorite attraverso i loro potenti amanti presero parte al governo del mondo”, e ancora “ardite, pronte a dar consigli, intriganti, le donne si assicurano sempre in modo obliquo, indiretto, la parte più efficace [del governo]“.
Oltre ad altre ammissioni del genere, la mia opera include (nel II Volume) una lunga lista di donne che, senza essere né regine né reggenti, hanno esercitato nella Storia un potere di governo incontrastato: erano madri, amanti, spose, sorelle, figlie…
Parlando di madri nello specifico, la loro influenza è immensa: non soltanto per quanto riguarda le religioni (ammessa nelle diverse fonti storiche riportate nelle citazioni del libro), ma anche per le lingue (la lingua materna), per le culture o per qualsiasi trasmissione di valori (anche quelli “patriarcali”). Qualche anno fa l’inno femminista dell’One Billion Rising, “Break The Chain”, recitava: “Noi siamo madri, noi siamo maestre” (“We are mothers, we are teachers”). Anche il proverbio «una mamma che educa un bambino educa un uomo, una mamma che educa una bambina educa un popolo» è stato di recente popolarizzato dalle femministe. In entrambi i casi l’ammissione femminista della decisiva influenza materna è esplicita. Come ulteriore esempio posso citare, poiché abbiamo iniziato parlando di religioni, quello del primo miracolo di Cristo durante le nozze di Cana. La madre ordina al figlio, Dio in terra, di compiere un miracolo che lui non vuole fare, perché non è ancora pronto. Lui obbedisce: comanda dunque gli uomini e diventa il potere visibile, mentre la madre, potere invisibile e unica volontà di questo miracolo, rimane nel retroscena (pag. 368).
Lo stesso femminismo col suo immenso potere immateriale nel mondo, dovuto al suo carattere prettamente femminile, è un perfetto esempio di questo modo di procedere. Il femminismo non possiede eserciti, partiti e sedi politiche; non possiede grandi templi materiali da dove diffonde la propria ideologia. Eppure, possiede un immenso potere immateriale.
Finisco con un ultimo esempio simpatico e con una citazione di un’altra femminista. Vi invito a tutti, poiché siamo in Italia, a riguardare un capolavoro comico del cinema italiano: Johnny Stecchino, di Roberto Benigni. Nel corso del film è una donna a controllare le azioni di tutti i personaggi, in un’ambiente mafioso fatto da uomini, burattini senza fili. Il film fu molto apprezzato dal pubblico, consapevole della sua verosimiglianza con la realtà.
Che conclusione possiamo trarne? Flora Tristan sostiene: «[…] la donna è tutto nella vita dell’operaio: come madre esercita un’influenza su di lui durante l’infanzia; è da lei, e unicamente da lei che lui attinge le prime nozioni di quella scienza così importante da acquisire, la scienza della vita, quella che ci insegna a vivere in modo conveniente per noi e per gli altri, secondo il posto che la sorte ci ha assegnato. Come amante, esercita un’influenza su di lui durante tutta la giovinezza, e che azione potrebbe esercitare una ragazza bella e amata. Come sposa, esercita un’influenza su di lui per tre quarti della vita. Infine come figlia esercita un’influenza su di lui nella vecchiaia» (pag. 400)

Domanda #2: Nel tuo libro parli di come, essenzialmente, uscire fosse sinonimo di avventurarsi in un mondo di pericoli, di violenza e soprusi, motivo per cui per le donne la società preferiva la sfera domestica a quella pubblica, dato che gli uomini erano considerati maggiormente sacrificabili. Al tempo stesso però fornisci numerosi esempi di come questo non significasse una reclusione totale, visto che mansioni come il lavare i panni e comprare da mangiare, nonché eventi pubblici ritenuti sicuri (celebrazioni pubbliche e religiose, mercatini, spettacoli di ogni tipo) richiedevano la presenza delle donne, anche solo per funzionare (se devi lavorare, qualcuno che esca a lavare i panni deve pur esserci). Mi chiedo però, pensando ad esempio a posti come l’Arabia Saudita o l’Afghanistan, dove la donna deve richiedere il permesso del guardiano per uscire, o ancora peggio deve essere da lui accompagnata, era a tuo avviso possibile che costui la recludesse? O sussisteva un meccanismo di qualche tipo che evitasse che i mariti più gelosi (anche a loro danno, visto che molte funzioni pubbliche richiedevano appunto l’uscire fuori di casa) potessero decidere di recludere le loro mogli in casa? L’uomo quindi, oltre che fare da scudo umano della donna quando l’accompagnava, aveva anche l’obbligo a farla uscire o ad accompagnarla? La società mediorientale e quella antica vedevano di cattivo occhio un simile marito geloso? Gli impedivano di recludere la moglie?

Risposta: La storiografia femminista ha effettuato una bipartizione concettuale dello spazio vissuto di uomini e donne, tanto da un punto di vista simbolico quanto fisico: lo spazio pubblico maschile e lo spazio privato femminile. Anche se esistono dei forti vincoli tra di loro, lo spazio simbolico e lo spazio fisico non coincidono pienamente. Questi spazi diversificati in linea di massima sono effettivamente esistiti, così come erano diversificati i ruoli sociali, i doveri, i compiti. Il mio dissenso con la storiografia femminista sorge all’ora di spiegarne il perché. Secondo l’ottica femminista il motivo è chiaramente la discriminazione e il patriarcato. Per rispondere all’oggetto della domanda, lo spazio fisico, dovrei prima fare un paio di precisazioni alla domanda stessa. Primo, “il mondo esterno è parco di donne solo quando è percepito come pericoloso” (pag. 440). Il libro include numerosi esempi, di ogni epoca e luogo, della libera mobilità delle donne. Risulta assurdo concepire i mercatini senza donne, qui o in qualsiasi altra parte del mondo. Se oggi le strade delle nostre città e dei nostri paesi sono piene di donne, anche di notte, il motivo principale è il fatto che esse si sentono sicure.
Dall’altra parte, il mondo una volta era molto più rischioso di ora. Non solo nelle foreste, dove raramente si vedevano donne da sole, ma anche all’interno delle città, soprattutto di notte. Il mondo esterno era un mondo pericoloso, lo spazio dei servi e degli sfortunati, al contrario dello spazio chiuso, che era il privilegio del ceto signorile. Il femminismo ha giudicato con parametri attuali, e capovolto, una percezione storica che era sempre stata quella opposta.

Per quanto riguarda l’ultima parte della domanda, per correttezza bisogna dire che l’analisi di culture specifiche richiederebbe un approfondimento ulteriore. La mia opera è generica, e risponde alle centinaia di opere di storiografia femminista che sono a loro volta generiche. Bisognerebbe approfondire in ogni luogo ed epoca, perché ci possono essere grandi differenze. Tra i tuareg, ad esempio, le donne hanno molte prerogative: libere di muoversi, prima del matrimonio possono avere numerosi amanti, e in caso di separazione rimangono con tutta la proprietà. Se voi andate oggi in un qualunque bazar di un qualunque paese arabo, vedrete che ci sono tantissime donne, anche da sole.

Quello che però è logico pensare è che il controllo della mobilità delle donne si sia applicato (e continui ad applicarsi in alcuni paesi del Medio Oriente) solo per proteggerle da luoghi considerati poco sicuri. Una simile giustificazione non regge quindi quando questi posti vengono considerati sicuri, o quando vi sono le condizioni per attraversarli in sicurezza (ad esempio venendo accompagnate dal marito).
Un uomo che impedisce alla propria moglie di uscire non la sta proteggendo e dunque non ha una giustificazione accettabile per gli standard della società. Qualora recludesse la propria moglie in casa, la sua verrebbe sicuramente vista come un’azione ingiustificabile (letteralmente, perché non sussisterebbero giustificazioni valide come la protezione), come un’anomalia, e pertanto anche come una malefatta, come un sopruso da condannare. Questo ovviamente implica che nessuna società abbia mai permesso la “reclusione delle donne in casa”: anche quelle mediorientali o comunque islamiche spesso spingevano per l’accompagnamento della donna da parte dell’uomo, come suo “scudo umano personale” come giustamente evidenziato, ma che è cosa ben diversa dall’impedire alle donne di uscire di casa. E se vi erano dei casi in cui cuò avveniva, si trattava semplicemente di abusi domestici che si presentano ancora oggi indipendentemente dal tipo di società in cui si vive e dal sesso della persona che li compie, dato che dipendono esclusivamente dalle personalità dei due coniugi.

Prendo ora come esempio il caso più estremo. Non sono mai stato in Afghanistan e non ho mai approfondito nello specifico quella realtà, ma tutti abbiamo visto delle immagini, nei film e documentari, di contadini e pecorai in quegli agresti e spesso impervi paesaggi. E tutti abbiamo esperienze dirette o di studio di realtà simili, ad esempio il mondo contadino siciliano “patriarcale” del XIX secolo – inizio XX secolo. Un mondo in cui gli uomini andavano in campagna, talvolta restandoci per diversi giorni. Nei paesi rimanevano donne, anziani e bambini. Il controllo sociale sulle donne, era fatto dalle altre donne, dai bambini o dagli anziani? Quando nei documentari vediamo quei pecorai molto lontani da casa loro, o quei gruppi di mujaheddin, chi esercita il controllo sociale nei paesi spopolati di uomini?

Domanda #3: Che relazione c’è tra voto esclusivamente maschile e obbligo maschile alla leva? E tra voto maschile e pagamento delle tasse?

Risposta: C’è un legame logico, innegabile, tra voto e obbligo alla leva, sottolineato da numerosi pensatori in ogni epoca, dai greci fino ai nostri giorni, passando per i romani. Il libro contiene parecchi esempi, compreso quello di Olympe de Gouges. Il legame tra le due cose divenne infatti più evidente che mai durante la Rivoluzione francese. La Corte Suprema Americana lo rese esplicito, per gli uomini, nel 1918. Di fatto, fino a poco tempo fa, e ancora oggi in alcuni paesi occidentali, i renitenti alla leva perdevano il diritto di voto. Per le donne, invece, era tutto diverso. Credo che la svolta si possa trovare nella “guerra delle coccarde”, nell’ambito della Rivoluzione francese, dove al contrario di quanto aveva sostenuto Olympe de Gouges, la maggior parte delle rivoluzionarie non volevano partecipare alle operazioni belliche ma pretendevano diritti. Della stessa idea sono Condorcet o Wollstonecraft. Il voto femminile fu un diritto slegato dai doveri.
C’è anche un legame tra voto e pagamento delle tasse (o meglio corvée), ma storicamente non è stato così forte e ha acquisito importanza solo successivamente. Il voto censitario è stato per la maggior parte legato anche a questa logica e le suffragette invocavano proprio questo aspetto, ovvero il fatto che loro pagavano le tasse, e che dunque avrebbero dovuto poter votare.
Per lungo tempo, in un mondo dove la guerra era la preoccupazione assillante di regni e nazioni, il soldato risultava molto più importante del contribuente (basti pensare che danari e corvée potevano arrivare anche tramite la schiavitù). Per cui, nella logica di chiunque, chi voleva partecipare al potere doveva prender parte alle battaglie.

Domanda #4: Secondo te, perché la Caccia alle Streghe colpì maggiormente donne? C’entrano particolari dinamiche sociali o semplicemente, come affermano alcuni, le streghe venivano viste come donne per via del legame che la chiesa vedeva tra stregoneria e rimanenze pagane di culti femminili (ricordiamo che il Canon Episcopi parla di “donne scellerate che credono di andare di notte con Diana, dea dei pagani”)? Secondo te, oltre a questo aspetto meramente religioso/culturale, entrano in gioco altri motivi per questa maggioranza femminile?

Risposta: Prima di tutto credo sia necessario chiarire, contro la percezione della narrativa dominante, che il fenomeno della “caccia alle streghe” (in realtà, “caccia alla stregoneria”) non era rivolto nello specifico contro le donne. Per assurdo si potrebbe affermare il contrario, ovvero che la caccia veniva attuata per proteggere le donne. La Bolla papale di Innocenzo VIII (1484) afferma di voler proteggere le donne tormentate da questi esseri sciagurati, che impediscono loro di concepire e distruggono la loro prole.

In secondo luogo credo sia necessario contestualizzare la cosa. Tra i tanti eventi tragici e cruenti che hanno afflitto l’umanità, la caccia alla stregoneria è molto lontana dal rientrare tra i primi cento per numero di vittime. E tenendo conto solo dei massacri per motivi religiosi, la caccia alla stregoneria occupa solo il 29esimo posto. Del numero complessivo di persone giustiziate per criminalità nello stesso periodo, le vittime della caccia alla stregoneria non rappresentano che una frazione modesta.

Quindi la prima questione su cui bisognerebbe riflettere riguarda l’importanza attribuita a questo triste accadimento storico rispetto a tutti gli altri. Una delle possibili spiegazioni, tra le molte che mi vengono in mente, risiede nel fatto che un cane che morde un uomo non fa notizia, mentre un uomo che morde un cane sì. Effettivamente l’80% delle vittime furono donne, il 20% uomini. In una Storia lastricata di eventi orribili che colpiscono per la stragrande maggioranza uomini, trovarne uno che colpisca di più le donne fa notizia.
Il secondo quesito è: perché proprio questo evento storico colpì maggiormente le donne? Una domanda che è già viziata in partenza, e dice tanto su di noi, che diamo per scontato che siano gli uomini a dover morire o soffrire, sempre e comunque, al posto delle donne.
Infatti la domanda che ci poniamo non è quella più logica. Dovremmo chiederci, in realtà, perché la stragrande maggioranza degli eventi storici tragici colpiscono gli uomini. È curioso che non lo facciamo, sembra quasi che sorga in noi la necessità di proteggere le donne, di preoccuparci solo di loro e di capire i motivi che hanno provocato la loro sofferenza, la loro e quella di nessun altro. Una forma mentis (innata o culturale?) che guida continuamente le nostre azioni. Nel mio libro ho analizzato ad esempio lo sterminio nazista, denominato genocidio perché c’erano donne e bambini. Lo sterminio degli uomini invece è sempre esistito, e da sempre si è chiamato guerra.

Mi rendo conto di non aver risposto all’ultima domanda, ma l’obiettivo primario della mia opera è quello di cambiare il punto di vista con cui analizziamo il mondo, di trasformare un punto di vista perennemente femminile e femminista in un punto di vista anche maschile. Credo che saremo in grado di dire con più precisione perché nel fenomeno della caccia alla stregoneria le donne sono state maggiormente colpite quando ci saremo chiesti (tutti, anche le femministe) perché nella stragrande maggioranza delle altre tragedie umane verificatesi sono stati gli uomini i più colpiti, e perché nessuno se ne cura.

Ringraziamo ancora una volta Santiago per le sue preziose osservazioni e ne approfittiamo per invitarvi all’acquisto del suo interessantissimo libro (qui il link per ordinarlo su Amazon).

Intervista a Santiago Gascó Altaba, autore del libro “La grande menzogna del femminismo”

La-grande-menzogna-del-Femminismo_Cover

Qui il link per comprare il libro su Amazon

 

  1. “Un’opera titanica di contro-narrazione della Storia e dell’attualità” recita la retro copertina. Un’opera vasta?

Necessariamente. I protagonisti dell’opera sono il femminismo e, naturalmente, il suo antagonista, il patriarcato. Cos’è il patriarcato? Per esplicita ammissione, il patriarcato è ovunque ed “è tutto”: la Storia, la psiche, la politica, il sesso, l’amore, la famiglia… Chi vuole discutere di femminismo è dunque obbligato a discutere di “tutto”.

  1. C’è un punto di partenza?

Il punto di partenza è la definizione del termine femminismo. E non è un punto di poco conto. È un punto fondamentale. Solo una corretta comprensione e definizione del termine femminismo permette di addentrarsi oltre, di analizzare criticamente quel “tutto” appena accennato mediante una selezione accurata tra infiniti argomenti: Adamo ed Eva, la caccia alle streghe, il suffragio universale, le quote rosa, la violenza di genere, il sessismo nella lingua, l’eterno femminino, l’aspettativa di vita, le torture, i suicidi, il matrimonio, …

  1. Cos’è il femminismo?

Cosa non è il femminismo? È più facile iniziare al contrario.

Intanto il femminismo non è parità. Tutti i dizionari del mondo (tutti!) associano il termine femminismo al termine parità. La parola parità è presente in tutte le definizioni, parità di diritti (non di doveri!).

Il femminismo sarebbe il movimento che lotta per l’equiparazione dei diritti delle donne ai diritti degli uomini.

Il femminismo non sarebbe il movimento che lotta per l’equiparazione dei diritti degli uomini ai diritti delle donne.

Trovate qualcosa di paritario nelle due premesse soprastanti? La parità si definisce per sé, senza bisogno di qualifiche. Quando è necessario specificare il “tipo di parità” – delle donne verso gli uomini, non degli uomini verso le donne –, allora non è più parità.

L’incontro di Seneca Falls negli Stati Uniti nel 1848 segna, per la maggior parte delle storiche femministe, la nascita del movimento femminista associativo. Da quella data fino ad oggi è trascorso più di un secolo e mezzo e centinaia di migliaia di iniziative, campagne, rivendicazioni, manifestazioni del movimento femminista a favore dei diritti delle donne. Dal 1848 fino ad oggi, quante sono state le iniziative, campagne, rivendicazioni o manifestazioni del movimento femminista a favore esclusivo di un qualsiasi diritto dell’uomo? Voi ne conoscete qualcuna? Allora, dove risiede la parità?

(Menzione a parte, in questi ultimi anni, meritano i permessi di paternità. Introdotti per richiesta anche da una parte delle associazioni femministe, ad esempio in Spagna, le loro intenzioni non erano quelle di parificare i diritti ma, per esplicita ammissione, si cerca di decostruire l’uomo patriarcale, s’incoraggiano le cure domestiche per favorire lo sviluppo professionale delle donne).

  1. Se ho capito bene, il femminismo sarebbe la dottrina che stabilisce che gli uomini non hanno bisogno di diritti perché li hanno già conquistati tutti?

Sì, ma manca ancora un altro pezzo nella comprensione del termine femminismo.

Oggi il femminismo, come il patriarcato, è “tutto”. Molte storiche femministe hanno augurato esplicitamente la distruzione delle religioni, oppressive e patriarcali, eppure esistono anche la teologia femminista e le femministe teologhe. Per la dignità del corpo delle donne manifestano a braccetto suore e prostitute, tutte femministe. Nella storia del femminismo e ancora oggi ci sono femministe regolamentariste e femministe abolizioniste della prostituzione, femministe con velo e femministe anti-velo, femministe abortiste e femministe anti-abortiste, pro-sufragio femminile e anti-sufragio femminile, comuniste e borghesi, nudiste e pudiche, socialiste e capitaliste, femministe dell’eguaglianza e femministe della differenza, … Al di là dell’esistenza di qualsiasi programma razionale e articolato, tutte si dichiarano femministe.

Di questa eterogeneità abbiamo tutti conferme, quando nelle interviste, le stesse femministe, per giustificare posizioni contrapposte o comportamenti non condivisi, affermano che esistono “molti femminismi”. Anche la stessa storiografia femminista è divisa in ondate diverse (tre o addirittura quattro, secondo le fonti che si adoperano), e, malgrado le proprie contraddizioni in alcuni casi anche interne, tutte si dichiarano femministe.

Questo permette a tutti di avvicinarsi al femminismo in maniera confortante, aderiamo a quello che ci compiace e scartiamo quello “sbagliato”. “Io sono femminista della prima ondata, io invece femminista della terza ondata, io sono femminista abolizionista, io invece femminista liberale…”. Tutti femministi e tutti contenti.

  1. Un femminismo alla carta?

In pratica sì. Siamo di fronte a un grossolano gioco ermeneutico, una semplice creazione di sistemi o gruppi di linguaggio ma anche di valori, che ci permette a tutti di poter scegliere tra un femminismo conveniente e uno sconveniente. All’interno di questo gioco esiste sempre un femminismo corretto, un “femminismo moderato” e un femminismo sbagliato, un “femminismo radicale” o violento.

In questa maniera il termine Femminismo è sempre in salvo, inattaccabile, perché ci sarà sempre un femminismo conveniente, un “femminismo buono”.

Questa è una grande sciocchezza.

Le ideologie non si giudicano per la loro applicazioni, ma per i loro pochi dogmi, fondamentali, intorno ai quali aderiscono tutti gli accoliti. Non esiste un nazismo buono e uno cattivo, un comunismo buono e uno cattivo, un suprematismo bianco buono e uno cattivo, … Sono le ideologie, in toto, con i suoi dogmi, che sono buone o cattive.

Dopo questa lunghissima premessa, ritorniamo alla domanda: « cosa accomuna Lagarde o la Clinton alle attiviste del festival antisistema “Femminismo grasso, postporno e punk”? »

  1. Infatti, cosa accomuna la femminista Christine Lagarde, Direttore del Fondo Monetario Internazionale, e le femministe antisistema?

Siamo nel cuore della questione. Quale dogma comune spinge tutte queste donne a dichiararsi femministe e compagne di lotta? Io l’ho chiamato Principio Assiomatico Assoluto. Mi permetto di usare qualche frase del mio libro: « Tutto il movimento di liberazione è basato sull’assunto che la donna sia oppressa e che sia l’uomo a opprimerla. Su questo binomio, “donna-vittima/uomo-carnefice”, incisivo e chiaro, è stato eretto il più importante e influente edificio ideologico dell’ultimo mezzo secolo. Possiamo denominarlo “Principio Assiomatico Assoluto” »

Questo Principio Assiomatico Assoluto è una costante nella dottrina femminista, in ogni rivendicazione, in ogni manifestazione: donna vittima, uomo colpevole. Dunque, il femminismo si può definire molto più correttamente come “ideologia che promuove la liberazione delle donne dagli uomini” che come “ideologia che promuove la parità”.

Il mio lavoro vuole vagliare criticamente questo Principio che ci assegna il ruolo di vittima o di carnefice a seconda del sesso. Ma questo Principio è troppo generico per essere vagliato. A questo punto ho individuato quattro dogmi femministi più specifici e da questi è iniziata la mia disamina.

  1. Quali sono questi quattro dogmi?

« Primo dogma: Nel corso di tutta la Storia e in tutte le società la donna ha vissuto oppressa dall’uomo sotto una struttura sociale denominata patriarcato. La donna è la vittima della Storia, l’uomo il suo oppressore.

Secondo dogma: Attualmente la donna continua a subire discriminazione e oppressione, frutto di una eredità e di una struttura storica, che la colpisce in ogni ambito, in ogni attività e in ogni paese del mondo. Il dominio maschile è esercitato tanto nell’ambito sociale – la chiesa, la scuola, lo stato – come nell’unità domestica. Oggigiorno la donna è la vittima, la società maschilista il suo oppressore.

Terzo dogma: Femminismo dell’uguaglianza. Donna non si nasce, si diventa. Il sesso (il corpo) si eredita, il Genere (la psiche) si costruisce. Le strutture mentali femminili sono un prodotto dell’educazione storica (patriarcato) e sociale. È necessario destrutturare le “costruzioni sociali patriarcali” (famiglia, religione, scienza, linguaggio).

Quarto dogma: Femminismo della differenza. In molti ambiti è connaturata nella donna una superiorità intellettuale e comportamentale rispetto all’uomo, principalmente nell’ambito morale. Lo status di vittima storica dell’oppressione maschile attribuisce di fatto alla donna una superiorità morale ontologica. »

  1. Come possiamo essere certi che questi dogmi riescano a determinare con precisione l’essenza della dottrina femminista?

Tanto l’esistenza di questo Principio Assiomatico Assoluto quanto quella dei quattro dogmi è supportata da numerose citazioni esplicite femministe, molte delle quali provengono dal femminismo storico.

  1. Infatti, il libro contiene un numero impressionante di citazioni e riferimenti testuali.

Circa 6.000 nell’opera completa. L’opera è divisa in due volumi. Il primo volume tratta il Principio Assiomatico Assoluto e il Primo Dogma. Il secondo gli altri tre dogmi e le conclusioni. Tutta l’opera è approcciata da un punto di vista prevalentemente storico, ma non solo, dove si alternano di continuo prima il testo discorsivo e successivamente le citazioni e i riferimenti che lo riguardano.

Il motivo che mi ha spinto ad adoperare testualmente le citazioni è semplice.

Oggigiorno il femminismo è la dottrina dominante, nelle istituzioni, nei media, nelle scuole. La mia posizione è che il femminismo è un’ideologia deleteria, e questa è una posizione controcorrente e molto politicamente scorretta. Molte delle mie posizioni controverse si basano su citazioni femministe, perfettamente verificabili. Chi se la prende con me, se la deve prendere anche con Simone de Beauvoir, Kate Millett, Germaine Greer, Phyllis Chesler, Juliet Mitchell, Mary Wollstonecraft, Christine de Pizan, …

  1. In che modo si vagliano criticamente gli argomenti specifici? È possibile fornire un esempio? Ad esempio, la caccia alle streghe.

Sì, lo vediamo però un’altra volta. Credo sia importante metabolizzare quanto è stato detto. Anche se un po’ lungo, definire e capire cosa è e cosa non è il femminismo credo sia il primo passo, determinante, per poter affrontare il mondo “femminista” in maniera critica così come le femministe affrontano ogni giorno in maniera critica il loro mondo “patriarcale”. Grazie!

  1. Grazie per aver risposto al nostro invito.

Risposte ai dubbi sull’attivismo (e sugli attivisti) per i diritti maschili

Perché Antisessismo supporta il Men’s Rights Activism senza se e senza ma? In quest’articolo tenteremo di dare una risposta esaustiva a questa domanda.

Come pagina abbiamo sempre cercato di giustificare le nostre posizioni andando al di là degli ad hominem, del cherry-picking, del no true scotsman ed altre fallacie logiche che non portano da nessuna parte. Per questo abbiamo concentrato la nostra attenzione sulle basi ideologiche dei movimenti, ovvero il minimo comun denominatore che accomuna le diverse correnti al loro interno, che li differenzia dagli altri all’esterno, e che guida le loro azioni concrete.

Nell’MRM (Men’s Rights Movement, sinonimo di MRA) non possiamo parlare di una base teorica che sia davvero comune a tutti, ma ve ne è una molto diffusa e soprattutto distintiva. Essa parte da un bisessismo storico per contestare l’azione unilaterale del femminismo e sostenere la necessità di una compensazione focalizzata, stavolta, sui diritti maschili di cui ci si è dimenticati per così tanto tempo. Questo sistema teorico non presuppone una netta divisione tra oppressori e oppressi, e fornisce le giuste chiavi interpretative per comprendere che anche l’attuale fase ginocentrista non è conseguenza di un “dominio” delle donne, ma di una serie di circostanze storiche. Tutt’altra pasta rispetto a idee secondo le quali “l’esercizio dei diritti naturali della donna ha come limiti solo la tirannia perpetua che l’uomo le oppone” e “la storia del genere umano è una storia di ricorrenti offese e usurpazioni attuate dall’uomo nei confronti della donna, al diretto scopo di stabilire su di lei una tirannia assoluta“, e che troviamo nei due documenti più importanti ai quali viene ricondotta la nascita del femminismo, rispettivamente la Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina (1791) e la Convenzione di Seneca Falls (1848). Risulta quindi impossibile separare femminismo e misandria, poiché, come abbiamo accennato, il femminismo parte dal presupposto che gli uomini abbiano attuato dall’alba dei tempi una dominazione sulle donne, che si rifletterebbe oggi in fenomeni quali la “violenza di genere” e altre angherie volte a ri-sottomettere la donna o negarle in extremis la tanto sudata libertà dai ruoli tradizionali. Come fai a credere in un sistema del genere e al contempo non odiare quelli che consideri i tuoi oppressori? È molto difficile. E pure se riuscissi a non odiarli, cercheresti di risolvere i loro problemi o i tuoi? Riusciresti a vedere i loro problemi, quando hai già deciso che loro sono i tuoi carcerieri, i tuoi aguzzini, i custodi del patriarcato? Certo che no. Per riassumere: al contrario della misoginia in ambito MRA, che laddove presente può essere vista come accidente o contaminazione esterna poiché non affonda le radici in alcuna base teorica originale del movimento, una buona fetta della misandria in ambito femminista è diretta conseguenza della Teoria del Patriarcato, ideologia trasversale a tutte le sue correnti e che rappresenta l’essenza del movimento stesso.

Una volta chiarita la natura intrinsecamente progressista dell’attivismo per i diritti maschili, passiamo ad una problematica che spesso dà luogo ad ambiguità e obiezioni: l’abbondanza di contaminazioni tradizionaliste in ambienti MRA, specialmente americani o comunque internazionali.

Innanzitutto, perché queste contaminazioni esistono? Perché nella società coloro che aderiscono a una visione così ragionata come quella MRA sono nettamente in minoranza rispetto a femministi e antifemministi generici. Questi ultimi, concependo la difesa degli uomini come un semplice opporsi alla moderna misandria femminista e nulla più, sono inevitabilmente attratti da qualunque movimento abbia “men” o “uomini” nel nome. Ma pure se ronzano intorno agli MRA (o, nei casi peggiori, si appropriano dei loro spazi), costoro sempre tradizionalisti rimangono, e le differenze si vedono.

Non dobbiamo dimenticare poi i tanti disperati cui l’una o l’altra problematica maschile ha rovinato la vita. Spesso è gente comune, sprovvista di capacità di astrazione e che difficilmente ambisce a una comprensione completa delle questioni di genere, orientandosi così su spiegazioni più semplici e manichee. Sono da biasimare? Dobbiamo aiutare selettivamente solo chi segue le nostre teorie? Potremo dare una mano agli uomini che soffrono solo quando saranno spariti gli ignoranti (ergo, mai)? Il fatto che ci siano ignoranti che bazzicano i nostri luoghi è motivo sufficiente per soffocare sul nascere il movimento MRA e ogni aiuto che esso può offrire al sesso maschile?
Mi immagino già la scena:

– “La mia ragazza mi picchia, ho paura di restare qui. Come mai c’è un unico centro antiviolenza per uomini in tutta Italia e sta a Milano? Perché nessuno protesta per ‘sta cosa?”

– “Eh guardi, c’erano gli MRA ma poi hanno appeso momentaneamente le scarpe al chiodo in attesa che tutte le vittime maschili prendano un bel PhD in Teoria del Bisessismo Applicata. Così siamo sicuri che tutti capiscano che la colpa delle loro sventure non è delle donne, ma della società e delle circostanze.”

– “Sì ma fino ad allora?”

– “Fino ad allora continui a farsi picchiare, che le devo dire…”

La preoccupazione per l’immagine del movimento è legittima, ma dovrebbe portare a una ed una sola linea d’azione: fare quadrato intorno all’etichetta MRA e difenderla. In altre parole, chi è progressista e tiene ai nostri diritti dovrebbe a maggior ragione definirsi MRA, anziché titubare. Titubare significherebbe darla vinta ai tradizionalisti, costringendoci a un cambio di denominazione che sarebbe disastroso per i diritti maschili. Perché? Perché le etichette buone non crescono sugli alberi, ed “MRA” ha un paio di pregi di cui non possiamo fare a meno.
Il primo è la trasparenza. Se c’è qualcosa che ci descrive perfettamente, questa è proprio la definizione “attivisti per i diritti degli uomini”. Veicola il messaggio che esistano dei diritti maschili per cui lottare e a cui dedicare particolare attenzione. Le parole “attivismo” e “diritti”, inoltre, corrispondono a concetti positivi, non meramente oppositivi, e hanno una forte valenza progressista nell’immaginario collettivo. Il secondo è la popolarità. Il Movimento per i Diritti degli Uomini si è costruito una notorietà internazionale non così indifferente, sebbene manchi degli appoggi istituzionali di cui è dotato il femminismo. Un’etichetta nuova, specie una con tutte le sfumature e i distinguo necessari, creerebbe confusione e sarebbe difficile da popolarizzare. Tra una scissione e l’altra, condannerebbe le questioni maschili ad un perenne anonimato. E anche qualora quest’etichetta riuscisse miracolosamente a prendere piede, il problema del tenere fuori le contaminazioni tradcon si riproporrebbe non appena acquistata una certa visibilità. Non è umanamente possibile impedire che si verifichino prima o poi almeno dei tentativi, da parte di una maggioranza esterna di appropriarsi di un movimento. E a quel punto che si fa? Scappiamo all’infinito dai conservatori? Abbandoniamo il lavoro fatto e ricominciamo daccapo con un altro nome, frammentandoci sempre più e senza alcuna garanzia di ritornare forti e compatti come prima? Mi sembrano le fatiche di Sisifo. Invece di scappare dalla città appena i tradcon si presentano alle sue porte e fondarne ogni volta una nuova, perché non trincerarsi e difenderla?

In Europa (e ancor di più in Italia) ci stiamo riuscendo abbastanza bene, rivendicando l’esclusività progressista del concetto di MRA con un approccio top-down, e mantenendo puliti i nostri spazi di informazione e discussione. Qualcuno storce il naso, perché lo ritiene “artificiale”: beh, sì, è artificiale quanto degli argini che impediscono a un fiume di inondare una città, permettendo a quest’ultima di crescere florida e indipendente. Nella vita le cose buone non accadono da sole, serve qualcuno che le faccia accadere.

Oltreoceano c’è invece più eterogeneità. Da un lato abbiamo le infiltrazioni tradizionaliste, qualche esponente controverso e così via, dall’altro abbiamo il fronte progressista, in seno al quale è nato tutto l’impianto teorico che usiamo. Quale delle due fazioni è più forte? Non si può tentare di rispondere a questa domanda facendo valutazioni meramente numeriche. Se nel documentario MRA per eccellenza (The Red Pill) vengono dette cose progressiste persino intervistando gente che su altre cose è conservatrice, probabilmente esiste una diffusa consapevolezza che l’attivismo per i diritti maschili sia qualcosa di ben distinto dal tradizionalismo e dall’antifemminismo generico.

La teoria del bisessismo-che-poi-diventa-ginocentrismo, dopotutto, non la trovate da nessun altra parte. È nata lì ed è caratteristica distintiva dell’MRM. E si dà il caso che quella teoria sia l’unica teoria davvero giusta nell’ambito delle questioni di genere, l’unica che può permettere un’azione che porti alla vera parità dei sessi.
Un movimento infatti va giudicato anche per contrasto con quelli già esistenti, evidenziando ciò che di nuovo viene detto e quanto di speciale o diverso viene teorizzato. Pensiamoci un attimo: noi apprezziamo le menti geniali del passato per le loro idee acute e innovative, non certo per quelle normali e spesso anche retrograde che costituivano la maggior parte del loro sistema di pensiero. Ad esempio, più o meno quasi tutti i grandi filosofi del passato esprimevano idee tradizionaliste quando si cimentavano in questioni di genere, ma li si scusa dicendo che quella parte “non progressista” del loro pensiero era figlia del loro periodo storico, e li si ricorda invece per le loro grandi intuizioni in altri ambiti. Se sappiamo riconoscere e filtrare le contaminazioni nel pensiero dei singoli intellettuali, allora perché non fare lo stesso con i movimenti sociali?

E vi dirò di più: ammesso e non concesso che l’MRM sia un guazzabuglio al cui interno solo “casualmente” troviamo l’unica teoria giusta nell’ambito delle questioni di genere, supportarlo sarebbe comunque la scelta giusta da fare in questo periodo storico, perché è gente che bene o male qualcosa per gli uomini effettivamente la fa, a differenza di tutti gli altri. Anche se una causa giusta fosse sostenuta dai più per motivi sbagliati, ciò non la renderebbe meno giusta. Come vediamo, l’imperativo logico-etico di dover agire per gli uomini resiste anche alle ipotesi più pessimistiche sulla composizione sociale e sulle intenzioni dei gruppi che si impegnano in questo senso.

Tutto questo non è facile, lo sappiamo. Siamo animali sociali e prima di sostenere l’una o l’altra causa ci facciamo sempre quattro conti in tasca. Ma nessuno ci calerà dal cielo un movimento MRA puramente progressista, fatto e buono, al quale aderire comodamente senza rischi di essere associati a personaggio discutibile X e personaggio discutibile Y. Chi vuole questo movimento deve contribuire a formarlo, non può lavarsene le mani e dire “lo sosterrò dal momento in cui quelli come me saranno la maggioranza”. È come non votare per il tuo partito alle elezioni perché credi che gli altri partiti abbiano più sostegno. A maggior ragione il tuo partito non vince se non lo voti, no?

PS. Etichette e nomenclature sono meno importanti dei fatti concreti, vero, ma non sono neanche irrilevanti o marginali: è più facile lottare per un set di idee se le si associa a una parola o sigla che le tenga unite tra di loro, come un portachiavi, e che aiuti a richiamarle in maniera veloce e sintetica senza dover spiegare sempre tutto daccapo. Questo non significa che dobbiamo qualificarci come MRA ogni volta che intraprendiamo una discussione su una tematica maschile: esistono effettivamente situazioni in cui vale la pena essere più indiretti, ma l’importante è che quando il movimento è oggetto di dibattito pubblico ci si mostri supportivi nei suoi confronti, anziché ostili.

[H.]

Si ringrazia M. per l’aiuto offerto nella stesura dell’articolo.

Vedi anche:

Chi sono gli MRA?
No, gli MRA non sono tradizionalisti e non rivogliono i ruoli di genere
Risposte ai mille tentativi di accomunarci ad altre correnti della manosphere
Se difendi le vittime di violenza… sei complice di un pluriomicida?! L’assurda logica degli anti-MRA