No, la violenza sulle donne NON ha conseguenze più gravi di quella sugli uomini

Francis Ndung'u

È largamente diffusa la concezione secondo cui una donna che aggredisce il partner avrebbe meno probabilità di causare gravi danni fisici o psicologici rispetto ad un uomo che aggredisce la partner. Lo studio di Archer ha invece rivelato che il genere ha un impatto molto meno rilevante di quanto affermavano precedenti studi basati sulla teoria femminista, sia per quanto riguarda le lesioni fisiche (un sesto di deviazione standard rispetto alla media) che per il ricovero ospedaliero (un undicesimo di deviazione standard rispetto alla media) [1].

Felson e Cares [2] hanno riesaminato i dati del sondaggio NVAW (National Violence Against Women Survey, Tjaden e Thoennes, 2000) confrontando i casi di violenza contro il partner con quelli di violenza contro sconosciuti. Felson e Carles hanno scoperto che la violenza tra parenti o conviventi era molto più frequente della violenza in altri tipi di rapporti o contesti: le aggressioni tra coniugi, partner conviventi e membri della famiglia accadevano molto più spesso di quelle compiute da sconosciuti o da altre persone conosciute dalle vittime. Inoltre, in base a quanto scoperto dagli autori, gli uomini causavano ferite lievi con una frequenza più alta rispetto alle donne, ma avevano una bassa probabilità di provocare ferite gravi; le donne avevano più probabilità di subire danni fisici lievi mentre gli uomini avevano più probabilità di subirne di gravi. Gli autori hanno concluso che “[…] l’evidenza osservata contraddice l’idea che la violenza compiuta da partner maschili sia generalmente più grave. In primo luogo, le ferite causate a partner femminili tendono a essere meno gravi di quelle causate a partner maschili; in secondo luogo, la probabilità di partecipazione della vittima alla violenza è la stessa per uomini e donne. […] Tuttavia, la ricerca precedente suggerisce anche che la violenza maschile contro il partner sia bassa rispetto alla frequenza del conflitto verbale tra partner (Felson et al., 2003)”.

Questi dati sono supportati da altri studi: ad esempio, Coker e colleghi (2002) [3] hanno riesaminato i dati delle 6790 donne e dei 7122 uomini del sondaggio NVAW per valutare i nessi tra la violenza subita (fisica, sessuale e psicologica) e gli effetti fisici e psicologici osservabili e a lungo termine in uomini e donne. I risultati indicavano che gli abusi fisici e psicologici causavano grossomodo esiti ed effetti simili in entrambi i sessi. Gli autori hanno però segnalato che era possibile che le vittime maschili fossero anche perpetratori e che il loro stato mentale risultasse dall’aver compiuto violenza piuttosto che dall’essere stati vittime. È interessante evidenziare quanto il pregiudizio sia radicato notando che quest’ipotesi non è stata proposta per le donne sebbene si applicherebbe anche a loro.

Gli studi nazionali come il già citato NVAW Survey, il National Family Violence Survey (NFVS) e il National Intimate Partner and Sexual Violence Survey (NISVS) mostrano differenze poco significative nelle percentuali di vittime di violenza domestica tra uomini e donne nei 12 mesi precedenti, e addirittura nel NISVS le vittime maschili erano la maggioranza, ovvero il 53%.
Percentuali simili tra i sessi (ovvero attorno al 50 e 50 tra maschi e femmine) si hanno anche quando vengono combinati diversi tipi di violenza grave (es. violenza fisica grave, violenza psicologica grave, comportamenti di controllo, violenza legale/amministrativa e lesioni) [4].
In ogni caso è sempre opportuno ricordarsi di analizzare i dati dei 12 mesi precedenti, e non del lifetime, dato che i primi sono più attendibili, perché a differenza di quest’ultimo non mostrano bias nel recall, ovvero nel richiamo di eventi passati da molto tempo [5].
Questo è dimostrato già da tempo anche in altre aree, prendiamo ad esempio gli abusi sessuali infantili: solo il 16% degli uomini con casi documentati di abusi sessuali infantili consideravano le loro esperienze nella prima infanzia abusi sessuali, contro il 64% delle donne con casi documentati di abusi sessuali infantili [6]. Questo perché i maschi, a differenza delle femmine, trovano meno supporto, minor assistenza e comprensione, dunque tendono maggiormente a reprimere il proprio vissuto fino a rimuoverlo dal livello cosciente della propria memoria.

Tornando alle lesioni, lo studio di LaRoche (2005) è anch’esso, come quello di Felson e Cares e di Coker et al, un riesame dei dati di un sondaggio, ma in questo caso il sondaggio è il GSS canadese (Canadian General Social Survey), condotto su un campione di 25.876 soggetti. I dati di LaRoche ci portano a rifiutare categoricamente l’idea che la violenza domestica subita non provochi danni agli uomini. È interessante il fatto che, nonostante nel sondaggio non tutti i dati sulle “vittime” fossero disponibili per gli uomini, i dati disponibili indicassero una forte somiglianza tra la violenza subita da uomini e quella subita da donne. LaRoche riporta che l’83% degli uomini aveva terrore unilaterale della partner e di conseguenza “temeva per la propria vita”, mentre era il 77% delle donne ad avere terrore unilaterale del partner. Tra gli uomini che avevano paura della partner, l’80% riportava uno sconvolgimento delle attività quotidiane (rispetto al 74% delle donne che temevano il partner), l’84% aveva ricevuto cure mediche (percentuale uguale alla percentuale della controparte femminile) e il 62% aveva cercato assistenza psicologica (63% per le donne). Perciò, in un campione canadese vasto e rappresentativo su scala nazionale, le reazioni degli uomini vittime di violenza erano di fatto identiche a quelle delle donne. Semplicemente, le ricerche precedenti erano influenzate da un paradigma per cui le domande giuste agli uomini non venivano poste. Quando queste domande vengono effettivamente poste, i risultati sono sorprendenti.
Anche in casi in cui le vittime avevano subito ripetutamente violenza strumentale o terrorismo intimo (LaRoche, 2005, tabella 8) sono stati riscontrati danni fisici, ricorso alle cure mediche e paura della persona violenta in modalità equivalenti a prescindere dal genere del perpetratore e della vittima. Degli uomini, il 65% ha riportato di essere stato ferito (rispetto al 67% delle donne). Ciononostante, la probabilità che gli uomini avvisassero la polizia era soltanto la metà rispetto a quella delle donne (LaRoche, 2005, tabella 9). Anche in questo caso, contrariamente a quanto formulato dalle teorie di teorici femministi della violenza domestica come Johnson, la violenza coercitiva era riportata da vittime sia maschili che femminili, con conseguenze simili a seguito della violenza subita [7].

In un pronto soccorso di Philadelphia, Pennsylvania, è stato rilevato che, in un periodo di tredici settimane, il 12.6% del totale dei pazienti maschili (N=866) era stato vittima di violenza domestica [8]. La violenza compiuta dalle partner e riportata dai pazienti consisteva in calci, morsi, pugni e tentativi di soffocamento nel 47% dei casi e nell’uso di un’arma nel 37% dei casi. Gli autori hanno osservato che le cifre sarebbero state più alte se non avessero dovuto interrompere il sondaggio a mezzanotte e se fossero stati presi in considerazione anche i casi di “grave trauma”, che avrebbero fatto salire la percentuale di uomini feriti dalle partner. È importante notare che molte cliniche di pronto soccorso chiedono alle donne ma non agli uomini se le loro ferite sono state causate da violenza domestica.

Vasquez & Falcone esaminarono i casi di violenza cross-genere tra i pazienti di un centro traumatologico dell’Ohio durante un periodo di undici mesi [9]. Dei 1400 ricoveri per trauma, 37 pazienti (18 uomini e 19 donne) avevano ferite causate da membri del sesso opposto. Il valore di gravità delle ferite era più alto per gli uomini che per le donne, 11,4 contro 6,9. La maggior parte degli uomini, il 72%, era stata ricoverata per ferite da pugnalamento, mentre la maggior parte delle donne era stata ricoverata per percosse (53%). Secondo quanto riportato dagli autori, le ustioni causate da violenza domestica erano ugualmente frequenti tra uomini e donne. Come dimostra questo studio, le indagini su campioni comunitari, a meno che non si richieda ai soggetti di auto-definirsi vittime di un crimine, mostrano uno schema della violenza domestica diverso e più orientato all’equivalenza tra i generi rispetto agli studi supportati dalla prospettiva femminista radicale.

Inoltre, raramente è stata valutata la paura che gli uomini hanno della violenza femminile (un’eccezione è l’analisi di LaRoche dei dati del GSS Nazionale Canadese). Uno studio di Hines, Brown e Dunning (2007) negli USA ha esaminato le telefonate effettuate al numero di assistenza nazionale per la violenza domestica sugli uomini [10]. Come evidenziato dagli autori, sarebbe stato poco probabile che a telefonare fossero stati perpetratori o co-perpetratori uomini. Nel periodo iniziale di attivazione della linea il servizio riceveva una chiamata al giorno; dopo essere stato pubblicizzato negli elenchi telefonici statali, ha cominciato a ricevere 250 chiamate al giorno. Dato che 2,6 milioni di uomini americani sono vittime di violenza grave, ci si aspetta che l’uso del servizio aumenti ancora (Straus e Gelles, 1992) [11]. Quasi tutti i chiamanti avevano subito violenza fisica dalla partner (solitamente partner donna, visto che solo il 4% era gay); una sostanziale minoranza temeva violenza da parte della partner e subiva stalking. Più del 90% subiva comportamenti controllanti e diversi avevano avuto esperienze frustranti con il sistema che gestiva i casi di violenza domestica; il 52,4% diceva di avere paura che la propria partner l’avrebbe ferito gravemente se avesse scoperto che aveva chiamato la linea di assistenza. Hines et al (2007) hanno scritto che “secondo i resoconti qualitativi, diversi attacchi fisici riguardavano l’area dell’inguine“.
Gli uomini che chiamavano riportavano anche forme di violenza non misurate dai sondaggi, come i casi in cui le perpetratrici tentavano di investire il partner con l’automobile. Il 29% riportava di aver subito stalking dalla partner.

In uno studio di Callahan, Tolman e Saunders del 2003 sulla violenza di coppia negli adolescenti, vennero presi 190 studenti delle scuole superiori, per il 53% maschi, per il 47% femmine e approssimativamente per il 50% afroamericani, che avevano completato una versione modificata della CTS2 (Revised Conflict Tactics Scale, Scala Revisionata delle Tattiche di Conflitto). Per quanto riguardava le ferite, i soggetti che avevano riportato di essere stati feriti dal partner erano il 22% delle ragazze e il 17% dei ragazzi, una differenza di genere non significativa [12].

In una ricerca del 2001 di Capaldi e Owen, vennero valutate 159 coppie prese da un campione di comunità a rischio, per mezzo della scala CTS e dei dati sulle ferite riportati dai soggetti. I risultati indicavano che il 9,4% degli uomini e il 13,2% delle donne commettevano frequentemente aggressioni fisiche verso il partner. Per quanto riguardava le ferite, il 13% degli uomini e il 9% delle donne indicava di aver subito lesioni fisiche almeno una volta. Gli autori riportavano che “il 2% degli uomini, e nessuna donna, indicava di essere stato ferito dal partner da cinque a nove volte” [13].

Uno studio del 2005 di Fergusson e colleghi prese un campione di 828 adulti di 25 anni (437 donne e 391 uomini) esaminando la misura in cui avevano subito e perpetrato violenza domestica. I soggetti facevano parte di uno studio longitudinale a lungo termine e venne loro somministrata la CTS2. I risultati rivelarono che “vi erano più uomini esposti alla violenza domestica grave che donne” e che i tassi di violenza leggera e moderata erano simili per entrambi i sessi. In totale, il 39,4% delle donne e il 30,9% degli uomini aveva un punteggio di perpetrazione di 3 o maggiore. Gli uomini e le donne riportavano anche un tasso simile di ferite subite (3,9% per le donne e 3,3% per gli uomini). In termini di chi iniziava per primo ad assalire il partner, il 34% delle donne e solo il 12% degli uomini iniziavano l’aggressione [14].

In una ricerca di Headey e colleghi furono esaminati i dati dell’International Social Science Survey australiano del 1996/97, all’interno del quale un campione di 1643 soggetti (804 uomini, 839 donne) rispose a domande sulla propria esperienza con la violenza domestica nei dodici mesi precedenti. I risultati hanno indicato che il 5,7% degli uomini e il 3,7% delle donne riportavano di essere stati vittime di aggressioni domestiche. Per quanto riguardava le conseguenze di queste aggressioni, secondo i risultati le donne provocavano gravi ferite al partner con una frequenza almeno pari a quella degli uomini. Infatti l’1,8% degli uomini e l’1,2% delle donne riportava di aver necessitato di cure di primo soccorso; l’1,5% degli uomini e l’1,1% delle donne riportava di aver avuto bisogno delle cure di un medico o di un infermiere [15].

McLeod, esaminando un insieme di dati di 6200 casi di violenza contro il coniuge nell’area di Detroit nel 1978-79, scoprì che gli uomini usavano armi il 25% delle volte mentre le donne le usavano l’86% delle volte (ciò significa che le donne compensavano la propria minore forza fisica usando un’arma, solitamente un oggetto domestico); il 74% degli uomini aveva riportato ferite e, tra questi ultimi, l’84% aveva necessitato di cure mediche. La conclusione, inoltre, fu che le vittime maschili subiscono lesioni fisiche più spesso e in maniera più grave rispetto alle vittime femminili [16].

O’Leary et al. nel 2008 valutò un campione di 2363 studenti (1186 ragazzi e 1177 ragazze) provenienti da sette scuole superiori multietniche di New York, attraverso una versione aggiornata della CTS. La grande maggioranza dei soggetti aveva tra i 15 e i 18 anni; i soggetti erano bianchi, afroamericani, ispanici e asiatici. I risultati rivelarono che tra gli studenti che avevano una relazione (543 maschi, 706 femmine), il 24% dei maschi e il 40% delle femmine riportava di aver perpetrato aggressione fisica. Maschi e femmine mostravano tassi simili di violenza subita e di ferite riportate. Non vennero riscontrate differenze in base all’etnia, tranne per il fatto che i maschi asiatici erano meno aggressivi verso la partner [17].

Rouse valutò l’uso della forza fisica nelle relazioni di coppia e le sue conseguenze in un campione diversificato di studenti universitari, costituito da 130 bianchi (58 uomini e 72 donne), 64 neri (32 uomini e 32 donne) e 34 ispanici (24 uomini e 10 donne). In base ai dati dichiarati, gli uomini avevano una probabilità significativamente più alta di subire aggressioni fisiche di intensità moderata e necessitavano più spesso di cure mediche per le lesioni subite. Questa differenza di genere era presente per bianchi e neri ma non per gli ispanici [18].

Sorenson e colleghi analizzarono i dati del Sondaggio Nazionale sulle Famiglie e i Nuclei Domestici (National Survey of Families and Households) condotto negli USA nel 1987/88. I soggetti furono 6779 bianchi, neri e ispanici sposati, che completarono una versione modificata della CTS. Gli autori segnalarono che “le donne avevano una probabilità leggermente più alta (6,2% contro 4,9%) di dichiarare che nell’anno precedente avevano spinto, colpito o lanciato qualcosa addosso al coniuge”. Inoltre le donne riportavano di aver causato ferite al partner con un tasso più elevato rispetto agli uomini [19].

Sugihara & Warner (2002) valutarono un campione di 316 ispano-americani (161 uomini e 155 donne) attraverso la CTS2. L’età media dei soggetti era circa trentacinque anni; i soggetti erano per la maggior parte sposati e parlavano tutti inglese. I risultati non rivelarono differenze di genere significative tra chi aveva subito aggressioni fisiche (35% e 37%). Tuttavia, una percentuale più alta di uomini (14% rispetto al 10% di donne) aveva subito lesioni fisiche [20].

Uno studio del 2004 sul Journal of Family Violence che compara la gravità delle lesioni nei casi maschili e femminili di violenza domestica, facendo notare come le donne usino maggiormente armi ed oggetti negli episodi di abusi sul partner e che ciò conduca a procurare ferite al proprio compagno altrettanto gravi di quelle fatte da uomini violenti verso le loro compagne, afferma:
“Contrariamente alla nostra ipotesi, non c’era differenza nella percentuale di donne e uomini che avevano inflitto livelli di lesione da grave a estremo ai loro partner (vedi Tabella II). Queste lesioni, che richiedevano attenzione medica, includevano contusioni, ossa rotte e ferite da coltello […] Così, quando le donne infliggevano lesioni gravi ai loro partner, nella maggior parte dei casi usavano un’arma o un oggetto. Al contrario, gli uomini che infliggevano questo stesso grado di lesione erano più propensi ad usare i loro soli corpi per assalire le loro vittime” [21].

Uno studio su Violence and Victims relativo all’uso della violenza tra gli studenti universitari (Hines e Saudino, 2003) usò la CTS2 per esaminare un gruppo di 481 studenti (302 femmine e 179 maschi) in relazione di coppia nel corso dei sei mesi precedenti all’indagine. Il 29% dei maschi e il 35% delle femmine riportò di aver perpetrato aggressioni fisiche; il 12,4% dei maschi e il 4,5% delle femmine dichiarò di aver subito gravi aggressioni fisiche; e il 14% delle donne riportò di essere l’unica della coppia ad aver usato violenza. Non vennero trovate differenze significative in base al genere, sia per quanto riguardava gli atti di aggressione psicologica sia per le aggressioni fisiche gravi. Inoltre, l’8,4% dei maschi e il 5% delle femmine dichiarò di essere stato ferito [22].

Un articolo neozelandese pubblicato nel 2007 su Basic and Applied Social Psychology riporta:
“Questo studio ha esaminato l’equivalenza della violenza sul partner intimo (IPV) maschile e femminile in tre campioni all’interno della popolazione neozelandese (studenti, generico, carcerati). Addizionalmente, abbiamo confrontato gli atteggiamenti delle vittime e quelli dei perpetratori. I risultati hanno rilevato che, nonostante la frequenza delle violenze vissute fosse maggiore nel campione dei carcerati, la natura della violenza domestica era simile in tutti i campioni. Un aspetto ancora più significativo è che i nostri risultati hanno mostrato simmetria di genere nell’IPV: la frequenza delle aggressioni, la loro gravità e le ferite provocate erano simili in uomini e donne.” [23].

Un paper pubblicato nel 2003 su Aggression and Violent Behavior riporta:
“In uno studio simile in Regno Unito sui trattamenti medici di emergenza al Leicester Royal Infirmary, i numeri riportati di pazienti maschi e femmine erano pressoché equivalenti, ma gli uomini riportavano in genere ferite più gravi e perdevano conoscenza più spesso (Smith, Baker, Buchan, & Bodiwala, 1992). […] Inoltre, analizzando gli interventi della polizia nei casi di violenza domestica a Detroit, Buzawa e Austin (1993) hanno scoperto che gli uomini identificati dalla polizia come vittime di violenza avevano una probabilità tre volte maggiore di essere stati feriti gravemente rispetto alle vittime femminili. […] una comparazione tra gruppi etnici di studenti che avevano relazioni di coppia ha evidenziato che più uomini che donne riportavano di aver subito dal partner aggressioni e ferite per cui erano state necessarie cure mediche (Rouse, 1988).” [24].

McFarlane, Willson, Malecha, e Lemmey (2000) trovarono somiglianze per quanto riguardava frequenza, gravità e conseguenze di violenza domestica maschile e femminile in uno studio che esaminava le denunce per aggressione, anche se le denunce sporte da uomini erano solo il dieci per cento del totale (ma questo è spiegabile dal fatto che si trattava di un campione accusato in sede legale e dall’evidenza che gli uomini denunciano meno delle donne e che vi è una disparità nelle sentenze e negli arresti a favore delle donne) [25].

Ehrensaft e colleghi (2004) studiarono una coorte di nascita di 980 persone, scoprendo che il 9% aveva una relazione di coppia clinicamente violenta, ovvero una relazione che richiedeva l’intervento di personale professionista (medici, agenti di polizia, avvocati). Questo tipo di assistenza è rivolto maggiormente alle donne, perciò i risultati potrebbero non riflettere pienamente la situazione che subiscono gli uomini. In ogni caso, gli autori trovarono tassi comparabili di violenza tra i due sessi, con il 68% delle donne e il 60% degli uomini che riportavano di aver subito ferite: una differenza molto piccola [26].

McNeely e colleghi (2001) affermarono, sul Journal of Human Behavior in the Social Environment:
“Questi risultati sono stati, e sono, sorprendenti per gli osservatori casuali del fenomeno della violenza domestica. Questo perché le persone hanno difficoltà con il concetto di donne che infliggono ferite agli uomini perché gli uomini, in media, sono più grandi, più forti e più abili a combattere. Ma la dimensione e la forza dell’uomo medio vengono neutralizzate da pistole e coltelli, acqua bollente, attizzatoi per il camino, mattoni, e mazze da baseball. Molti non riescono a rendersi conto che le aggressioni domestiche non comportano correttezza pugilistica, o a considerare che gli attacchi si possono verificare quando i maschi sono addormentati, o incapacitati dall’alcol, dall’età o dalle infermità (McNeely & Mann, 1990). Forse ancora più sorprendente è che i giovani mariti non sono risparmiati dalla vittimizzazione. I militari nel loro litigio per primi sono non di rado accoltellati o sparati in episodi non provocati di violenza (Ansberry, 1988).” [27].

A seguito di tutti questi dati, possiamo notare come il ridurre le conseguenze della violenza domestica sugli uomini a una gravità minore rispetto a quella sulle donne sia errato. Ma è davvero questo il problema che spinge a negare aiuti alle vittime maschili?

La risposta ci proviene da una ricerca del 2008, che mette in luce come, anche a parità di lesioni riportate, la gente tende a condannare maggiormente gli assalitori uomini che le assalitrici donne. Quella della gravità, dunque, è solo una scusa.
Felson (2008), infatti, riporta che “l’evidenza non supporta l’idea che gli uomini che aggrediscono la partner abbiano una particolare probabilità di non essere denunciati o di essere trattati con indulgenza. Al contrario, i risultati indicano che chi aggredisce una donna ha più probabilità di andare incontro a conseguenze legali rispetto a chi aggredisce un uomo“. Nell’articolo l’autore riassume uno studio non pubblicato che esamina la possibile influenza del genere e dello stato civile sull’opinione della gente rispetto al dover riferire o meno alla polizia un’aggressione domestica. In un sondaggio telefonico 800 soggetti hanno considerato uno scenario in cui, durante un litigio, un partner feriva l’altro ustionandogli il braccio. I risultati hanno indicato che i partecipanti avevano più probabilità (80% rispetto al 60%) di condannare l’aggressione di un uomo verso una donna rispetto a quella di una donna verso un uomo, anche se le lesioni subite erano identiche [28].

Un’altra domanda potrebbe essere, se sono altrettanto gravi, perché si sente più spesso parlare di omicidi di uomini contro le compagne e meno viceversa?

Semplicemente perché:

1) I media riportano molto più le notizie di violenza domestica sulle donne che sugli uomini, quindi la gente per colpa dell’euristica della disponibilità penserà che accada con maggiore frequenza ciò di cui sente parlare di più.
In realtà, invece, la copertura mediatica non è priva di errori ma anzi, è influenzata da molte cose, incluse le credenze e le percezioni di giornalisti e redattori e da ciò che pensano faccia vendere i giornali o aumentare gli spettatori, tutte cose che hanno portato a riportare erroneamente il crimine, inclusa la violenza domestica.
Infatti uno studio della copertura giornalistica di 785 omicidi a Cleveland, Ohio, dal 1984 al 1992 (Lundman, 2000) trovò che, degli omicidi in cui un uomo aveva ucciso una donna, il 79% fu riportato nei giornali, mentre solo la metà degli omicidi in cui una donna aveva ucciso un uomo venne riportata. Di quelli che furono riportati, molto più spazio venne stato dato ai casi di uomini che avevano ucciso donne: una media di 3,6 articoli per omicidi maschi-su-femmine e 1,7 per omicidi femmine-su-maschi [29].
Un commento su due casi di celebrità illustra bene i bias nella copertura di stampa della violenza domestica (Angelucci, 2009): “le abusatrici di sesso femminile e le vittime di sesso maschile non sono solo politicamente scorrette; ma non ‘vendono’ neanche bene”. Questo potrebbe spiegare perché difficilmente qualcuno ha sentito parlare dei arresti per violenza domestica di due donne famose verificatesi poco dopo l’incidente di Rihanna. Kelly Bensimon, che recita nel reality show della rete “Bravo” “Real Housewives of New York City”, è stata arrestata per causato un occhio nero e una ferita sanguinante sulla guancia al suo fidanzato. E la compagna di Geno Hayes, difensore di football del Tampa Bay, è stata arrestata per aver accoltellato Hayes al collo e alla testa. Dov’è stata l’indignazione in questi casi? Da nessuna parte. In realtà, la maggior parte della copertura mediatica non ha nemmeno chiamato questi incidenti “violenza domestica”.
A mio avviso, il bias nella copertura di stampa non è il risultato di una falsificazione volontaria, ma di errori nella percezione della violenza domestica [30].

2) Gli uomini hanno maggiore possibilità di essere arrestati a seguito di incidenti di violenza domestica, quindi presumibilmente anche in caso di omicidio. Ad esempio uno studio del 2007, analizzando i dati del National Violence Against Women Survey, è arrivato alla conclusione che “le donne che aggrediscono i loro partner uomini hanno una particolare probabilità di evitare l’arresto” [31].

3) Oltre alle disparità nell’arresto, vi sono disparità anche nella possibilità di essere incarcerati e nella lunghezza delle sentenze a parità di reato, di precedenti e di altre varianti a seguito dell’accertata colpevolezza. Infatti Sonja B. Starr dell’Università del Michigan ha riscontrato che “le arrestate femmine hanno significativamente più probabilità di evitare accuse e condanne del tutto, e due volte più probabilità di evitare il carcere se condannate”. Inoltre, secondo i suoi dati, gli uomini ricevono in media sentenze più lunghe del 63% rispetto alle donne [32].
Allo stesso modo, Theodore R. Curry e colleghi dell’University of Texas hanno “trovato l’evidenza che i delinquenti che vittimizzavano femmine ricevevano condanne sostanzialmente più lunghe dei delinquenti che vittimizzavano maschi. I risultati mostrano anche che gli effetti del genere delle vittime sulla lunghezza delle sentenze sono condizionate dal genere dell’autore del reato, in modo tale che i delinquenti maschi che vittimizzavano le femmine ricevevano le condanne più lunghe di qualsiasi altra combinazione genere della vittima/genere dell’autore del reato” [33].

4) Spesso le donne violente utilizzano la scusante di aver agito per auto-difesa anche quando non è così, il che porta spesso a un’assoluzione anche per donne non innocenti, che dunque non verranno contate nelle statistiche degli omicidi. Infatti quando i ricercatori hanno incrociato personalmente le affermazioni delle donne violente che affermavano di aver agito per legittima difesa nei confronti del partner con i resoconti dei figli e delle madri di tali donne, la giustificazione della legittima difesa decadeva e risultava infondata nella maggior parte dei casi [34].
Che le donne non agiscano veramente per legittima difesa più degli uomini è confermato da studi più ampi, infatti in una ricerca canadese su 1200 soggetti, Bland e Orn hanno richiesto loro chi aveva fatto violenza sul partner per primo. Delle le donne che avevano usato violenza contro i loro compagni, il 73,4% aveva usato violenza per prima, rispetto al 59% degli uomini che avevano usato violenza contro le loro compagne.
Stets e Straus, combinando i dati dell’US National Family Violence Resurvey (N=5005) con un campione di 526 coppie per generare un campione ampio e rappresentativo delle relazioni uomo-donna, trovarono che la metà (49%) della violenza domestica era reciproca, un quarto (23%) della violenza era agita solo dall’uomo e l’altro quarto (28%) era agita solo dalla donna. Gli uomini riportavano di aver dato il primo colpo nel 43,7% dei casi e che la loro partner l’aveva dato nel 44,1% dei casi, mentre le donne riportavano di aver dato il primo colpo nel 52,7% dei casi e che il loro partner l’aveva dato nel 42,6% dei casi. Quindi incrociando sia la versione degli uomini che delle donne, le donne davano il primo colpo almeno tanto spesso quanto gli uomini. Pertanto una giustificazione che asserisca che le donne agiscono principalmente per auto-difesa è errata [35].
Queste evidenze vengono confermate da un sondaggio nazionale britannico su 1978 soggetti.
In esso, il 17% delle donne e il 21% degli uomini aveva fatto violenza perché “pensavo che [l’altro/a] stava per usare un’azione fisica contro di me”. Inoltre, il 21% delle donne e il 27% degli uomini aveva “risposto [in senso fisico, N.d.T.] [all’altro/a] per qualche azione fisica che [l’altro/a] aveva usato contro di me” [36].
Anche qui, l’autodifesa non sembra essere, come invece viene spesso sostenuto, l’unica motivazione per cui le donne fanno violenza.
Eppure, spesso viene interpellata l’autodifesa nei processi, molto più per le donne che uccidono che per gli uomini, nonostante, come abbiamo visto, tale motivazione per autodifesa – nel concreto – non è maggiore per le donne rispetto agli uomini.
Questo porta spesso a un risvolto davvero drammatico: quello di rimettere in libertà un’assassina, talvolta acclamandola come se fosse una vittima.
Ciò si nota dalle statistiche, difatti, secondo quanto riferisce il Dipartimento di Giustizia statunitense (che inizialmente non divise questo dato a seconda del genere, ma grazie ad Alan Dershowitz del Washington Times, che chiese agli autori di farlo, vennero alla luce i risultati), le donne che uccidono i propri mariti hanno il 12,9% di probabilità di essere assolte e il 17% di ottenere la libertà condizionale, mentre i mariti che uccidono le mogli hanno solo il l’1,4% di possibilità di essere assolti e appena l’1,6% di ottenere la libertà condizionale. Inoltre, le donne colpevoli di aver ucciso i propri mariti ricevono una condanna media di 6 anni, mentre gli uomini colpevoli di aver ucciso le proprie mogli ricevono una condanna media di 17 anni. (Per comparazione, la sentenza media per l’omicidio di un non-familiare, negli USA, è di 14,7 anni).
A titolo esemplificativo, riporto un paio di episodi in cui il bias è estremamente evidente: ad esempio, il sociologo Coramae Richey Mann trovò il caso di una donna che affermava di aver agito per “autodifesa” dopo aver sparato al marito sei volte dietro la nuca, dicendo che lui l’avrebbe minacciata con una sedia. Il caso fu archiviato.
A Brooklyn, New York, Marlene Wagshall sparò nello stomaco a suo marito mentre dormiva con una cartuccia .357 magnum dopo aver trovato una sua foto con un’altra donna: da tentato omicidio (l’uomo sopravvisse ma perse parte del suo stomaco, fegato e intestino superiore) venne declassato ad aggressione di secondo grado e fu condannata ad appena un giorno di prigione e a 5 anni di domiciliari perchè affermò, senza alcuna prova o evidenza dei fatti che lo confermasse, di aver subito violenza fisica [37].

Come abbiamo visto, dunque, la violenza domestica ha conseguenze ugualmente gravi sia per uomini che per donne, e il motivo per cui ciò non viene riconosciuto è perchè i media riportano in numero nettamente minore le notizie di vittime maschili, gli uomini a parità di reato vengono arrestati più spesso, incarcerati più spesso e subiscono sentenze più lunghe mentre le donne hanno maggiore possibilità di non essere arrestate, non essere incarcerate e di far passare la propria violenza per “legittima difesa” anche quando non lo è.

(Grazie ad Ilaria Villa per le traduzioni)

Riferimenti Bibliografici:

[1] Archer, J. (2000). Sex differences in aggression between heterosexual partners: A meta-analytic review. Psychological Bulletin, 126, 651-680.

[2] Richard B. Felson and Alison C. Cares. Gender and the Seriousness of Assaults on Intimate Partners and Other Victims. Journal of Marriage and Family, Volume 67, Issue 5, pages 1182–1195, December 2005.

[3] Coker AL, Davis KE, Arias I, Desai S, Sanderson M, Brandt HM, Smith PH. Physical and mental health effects of intimate partner violence for men and women. Am J Prev Med. 2002 Nov;23(4):260-8.

[4] Hines DA, Douglas EM. Relative Influence of Various Forms of Partner Violence on the Health of Male Victims: Study of a Helpseeking Sample. Psychol Men Masc. 2016 Jan 1;17(1):3-16.

[5] Bert H. Hoff (2012). US National Survey: more men than women victims of intimate partner violence. Journal of Aggression, Conflict and Peace Research, Vol. 4 Iss: 3, pp.155 – 163.

[6] Widom, Chathy Spatz; Morris, Suzanne. Accuracy of adult recollections of childhood victimization, part 2: Childhood sexual abuse. Psychological Assessment, Vol 9(1), Mar 1997, 34-46.

[7] Laroche, D. (2005). Aspects of the context and consequences of domestic violence — Situational couple violence and intimate terrorism in Canada in 1999. Quebec City: Government of Quebec.

[8] Mechem, C. C., Shofer, F., Reinhard, S. S., Hornig, S., & Datner, E. (1999). History of domestic violence among male patients presenting to an urban emergency department. Academic Emergency Medicine, 6, 786 – 791.

[9] Vasquez, D., & Falcone, R. (1997). Cross gender violence. Annals of Emergency Medicine, 29, 427-429.

[10] Hines DA, Brown J, Dunning E. Characteristics of callers to the Domestic Abuse Helpline for Men. Journal of Family Violence. 2007; 22: 63–72.

[11] Straus, M. A., & Gelles, R. J. (1992). How violent are American families? In M.A. Straus, & R. J. Gelles, (Eds.), Physical violence in American families. New Brunswick, N.J.: Transaction Publishers, 95 -108.

[12] Callahan, M. R., Tolman, R. M., & Saunders, D. G. (2003).  Adolescent dating violence victimization and psychological well-being.  Journal of Adolescent Research, 18(6), 664-681.

[13] Capaldi, D. M. & Owen, L. D. (2001). Physical aggression in a community sample of at-risk young couples: Gender comparisons for high frequency, injury, and fear. Journal of Family Psychology, 15 (3), 425-440.

[14] Fergusson, D. M., Horwood, L. J., & Ridder, E. M. (2005).  Partner violence and mental health outcomes in a New Zealand birth cohort.  Journal of Marriage and Family, 67, 1103-1119.

[15] Headey B, Scott D & de Vaus D 1999. Domestic violence in Australia: Are women and men equally violent? Australian Social Monitor 2(3): 57–62.

[16] McLeod M. (1984). Women against men: An examination of domestic violence based on the analysis of official data and national victimization data. Justice Quarterly, 1(2), 171–193.

[17] O’Leary, K. D., Slep, A. M. S. Avery-Leaf, S. & Cascardi, M. (2008). Gender differences in dating aggression among multiethnic high school students. Journal of Adolescent Health, 42(5), 473-479.

[18] Rouse, L. P. (1988).  Abuse in dating relationships: A comparison of Blacks, Whites, and Hispanics. Journal of College Student Development, 29, 312-319.

[19] Sorenson, S. B., Upchurch, D. M., & Shen, H. (1996).  Violence and injury in marital arguments: risk patterns and gender differences.  American Journal of Public Health, 66 (1), 35-40.

[20] Sugihara, Y., & Warner, J. A. (2002).  Dominance and domestic abuse among Mexican Americans: gender differences in the etiology of violence in intimate relationships.  Journal of Family Violence, 17 (4), 315-340.

[21] Busch, A. L., and Rosenberg, M. S. (2004). Comparing women and men arrested for domestic violence: A preliminary report. Journal of Family Violence, 19(1), 49-57.

[22] Hines DA, Saudino KJ. Gender differences in psychological, physical, and sexual aggression among college students using the revised conflict tactics scales. Violence Vict. 2003 Apr; 18(2):197-217.

[23] Robertson K, Murachver T. (2007). It Takes Two to Tangle: Gender Symmetry in Intimate Partner Violence. Basic and Applied Social Psychology, 29, 109-118.

[24] M.J. George. Invisible touch. Aggression and Violent Behavior 8 (2003) 23-60.

[25] McFarlane J, Willson P, Lemmey D, Malecha A. Women filing assault charges on an intimate partner: criminal justice outcome and future violence experienced. Violence Women. 2000;6:396–408.

[26] Ehrensaft MK, Moffitt TE, Caspi A. Clinically abusive relationships in an unselected birth cohort: men’s and women’s participation and developmental antecedents. J Abnorm Psychol. 2004 May;113(2):258-70.

[27] McNeely RL, Cook PW, Torres JB. Is domestic violence a gender issue, or a human issue? Journal of Human Behavior in the Social Environment. 2001;4:227–251.

[28] Felson, R. B. (2008).  The legal consequences of intimate partner violence for men and women.  Children and Youth Services Review, 30, 639-646.

[29] Lundman, R. J. (2000, March 3). Selection bias in newspaper coverage of homicide:Intersections of newsworthiness, market factors, and typifications with race and genderstereotypes.Paper presented at the Eastern Sociological Society Meeting, Baltimore.

[30] Angelucci, M. E. (2009). Rihanna-Brown incident an example of double standards inattitudes toward partner abuse. Retrieved May 16, 2009, from http://www.wavenewspapers.comJopinion/op-ed/41340702.html

[31] Felson, R. B., & Pare, P. (2007).  Does the criminal justice system treat domestic violence and sexual offenders leniently?  Justice Quarterly, 24, 435-459.

[32] Starr, Sonja B., Estimating Gender Disparities in Federal Criminal Cases (August 29, 2012). University of Michigan Law and Economics Research Paper, No. 12-018.

[33] Theodore R. Curry, Gang Lee, S. Fernando Rodriguez (2004). Does Victim Gender Increase Sentence Severity? Further Explorations of Gender Dynamics and Sentencing Outcomes. Crime & Delinquency 50:319–43.

[34] Sarantakos, S. (2004). Deconstructing self-defense in wife-to-husband violence. The Journal of Men’s Studies, 12(3), 277-296.

[35] Dutton DG, Nicholls TL. The gender paradigm in domestic violence research and theory: Part 1—The conflict of theory and data. Aggress Violent Behav. 2005;10:680–714.

[36] Carrado M, George M, Loxam E, Jones L, Templar D. Aggression in British heterosexual relationships: a descriptive analysis. Aggress Behav. 1996;22:410–415.

[37] Michael Weiss, Cathy Young. Feminist Jurisprudence: Equal Rights Or Neo-Paternalism? Policy Analysis No. 256, Cato Institute, June 19, 1996.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...