Gestazione per Altri e polemiche: Antisessismo risponde

gpa gay

Prima di tutto: che cos’è la Gestazione per Altri (GPA)? Il termine “Surrogazione di Maternità” o “Gestazione per Altri” si riferisce ad una forma particolare di fecondazione assistita: una donna porta avanti una gravidanza per un’altra donna la quale, per diversi motivi, non può farlo a sua volta, o per una coppia di persone dello stesso sesso, perlopiù maschile, che scelgono di avere un figlio. In entrambi i casi la “madre genetica” non sarà l’effettivo genitore del bambino, bensì coloro che sono ricorsi alla GPA che saranno a tutti gli effetti genitori.

Principalmente per il suo uso tra coppie di uomini gay, vi sono critiche feroci a tale pratica, critiche che spesso rivelano un contenuto sia omofobico che misandrico (si può parlare a ragione in questo caso di omo-misandria) notevole. Queste persone, con tono polemico, chiamano impropriamente la GPA opportunamente regolamentata dei Paesi Occidentali “Utero in Affitto”, sebbene tale termine sia lecito solo in situazioni di gravi irregolarità o per Paesi in via di sviluppo, ad esempio in India.

Perchè, cosa succede in India? In India i colossi farmaceutici occidentali fanno affari con vere e proprie cavie umane: il quotidiano inglese “The Independent” ha effettuato un’inchiesta in cui ha trovato che oltre 150mila persone avrebbero partecipato ad almeno 1.600 test clinici per conto di colossi farmaceutici come Pfizer, Merck e AstraZeneca. Parliamo di gente analfabeta reclutata per partecipare a sperimentazioni cliniche senza un vero consenso informato e senza conoscere i rischi. Vittime quasi mai ricompensate. Medici che “consigliavano” ai loro pazienti di prendere un farmaco, senza dirgli che stavano partecipando a una sperimentazione clinica. Sono questi alcuni degli abusi commessi per conto di alcuni colossi farmaceutici occidentali in India, dal 2005 diventata un vero ‘paradiso’ per le sperimentazioni di nuovi farmaci, grazie ad una legislazione “rilassata”. Tra il 2007 ed il 2010 – secondo le cifre riportate dall’Independent – almeno 1.730 persone sono morte durante o dopo aver preso parte ad uno di questi esperimenti. Sebbene sia difficile stabilire se siano morte proprio a causa dei test ai quali erano sottoposte – molte di loro erano infatti già malate – è impossibile anche affermare il contrario, in quanto sono stati gli stessi medici che conducevano l’esperimento a determinare se vi fosse un legame tra la sostanza testata e il decesso.

Gli oppositori della GPA vogliono far passare l’idea che la situazione della Gestazione per Altri in Paesi Occidentali in cui è estremamente regolamentata e controllata sia paragonabile a quella in Paesi come l’India in cui le persone sono usate come cavie umane senza nemmeno richiedere loro il consenso! Ci rendiamo conto di quanta malafede c’è nell’uso del termine “Utero in Affitto” e nel paragone tra queste due situazioni?

Altre critiche invece sono semplici dubbi dovuti alla mancanza di informazioni in merito.
In questa sede risponderemo a tali domande in modo il più possibile esaustivo e scientifico.

La prima di tutte è: ma due uomini che hanno appena avuto un figlio mediante GPA… come fanno ad allattarlo al seno?

La risposta semplicissima è la seguente:
L’alternativa all’allattamento al seno è l’uso del latte artificiale.

– OBIEZIONE #1: “Ma il latte artificiale non è solo un insieme di sostanze chimiche?”

– RISPOSTA: Sì, lo è, perchè letteralmente tutto ciò che ci circonda è un insieme di sostanze chimiche, tutto è chimica. Anche il latte materno preso naturalmente dal seno lo è.
La vera domanda è se queste sostanze chimiche, quelle del latte materno preso al seno e quelle del latte artificiale, siano o meno nutrizionalmente diverse.

La risposta è: no.
Infatti secondo una review del 2016 su Nutrients:
“Il latte artificiale è inteso come un sostituto efficace per l’alimentazione dei neonati [7,8]. Sebbene la produzione di un prodotto identico al latte materno non sia fattibile, è stato fatto ogni sforzo per mimare il profilo nutrizionale del latte materno umano per una crescita e uno sviluppo normale dei neonati. Il latte di mucca o il latte di soia sono più comunemente usati come base, con ingredienti supplementari aggiunti per meglio approssimare la composizione al latte materno e per ottenere benefici per la salute, tra cui ferro, nucleotidi e composizioni di miscele di grassi. Sono aggiunti gli acidi grassi dell’acido arachidonico (AA) e dell’acido docosaesenoico (DHA). Probiotici e composti, prodotti dall’ingegneria genetica, vengono aggiunti o sono attualmente considerati per l’aggiunta alla formula.
[…] Il latte artificiale è inteso come sostituto efficace al latte materno ed è formulato per mimare la composizione nutrizionale del latte materno.” [1]

– OBIEZIONE #2: “Ma l’allattamento al seno aumenta il legame con il bambino perchè rilascia l’ossitocina!”

– RISPOSTA:
L’ossitocina è l’ormone che viene rilasciato quando fai cose come abbracci o coccole, e per questo i media lo chiamano anche “l’ormone dell’amore”.
Ma lo stesso ormone è rilasciato anche quando facciamo cose come sparare con una pistola o guardare film porno. Insomma, dire che “rilascia ossitocina” non vuol dire niente.

Una revisione sistematica del 2008 conclude infatti che:
La ricerca scientifica svolta finora non supporta l’assunzione generale per cui l’allattamento al seno avrebbe un effetto positivo sulla qualità del rapporto madre-figlio. Quando propagata, tale supposizione può creare inutili sentimenti di colpa nelle madri non in grado di allattare.” [2].

– OBIEZIONE #3: “La Gestazione per Altri/Utero in Affitto danneggia il bambino!

– RISPOSTA:
Cito da un paper scientifico pubblicato sul Giornale Italiano di Psicologia del 2016:
“al momento non vi sono evidenze per cui la GPA avrebbe effetti negativi sul benessere psico-fisico delle portatrici e dei bambini concepiti” [3].

Una revisione sistematica, ovvero un’analisi di tutti gli studi sulla GPA fino al 2016, non ha trovato alcun risultato negativo sulla salute dei bambini e delle portatrici:
“most surrogacy arrangements are successfully implemented and most surrogate mothers are well-motivated and have little difficulty separating from the children born as a result of the arrangement. The perinatal outcome of the children is comparable to standard IVF and oocyte donation and there is no evidence of harm to the children born as a result of surrogacy.” [4].

– OBIEZIONE #4: “La GPA crea traumi al bambino perchè è una separazione alla nascita!”
– RISPOSTA:
La GPA non può essere assimilata alla separazione alla nascita, la quale crea sì diversi traumi al bambino, ma perché in quest’ultima il bambino non ha figure di attaccamento tra la separazione e il riaffido, cosa che in questo caso non accade.

 

Riferimenti bibliografici:

1. [Camilia R. Martin, Pei-Ra Ling, George L. Blackburn. Review of Infant Feeding: Key Features of Breast Milk and Infant Formula. Nutrients 2016, 8(5), 279.]

2. [Jarno Jansen, Carolina de Weerth, J. Marianne Riksen-Walraven. Breastfeeding and the mother–infant relationship—A review. Developmental Review 28 (2008) 503-521.]

3. [Lingiardi V, Carone N. Famiglie contemporanee: nuove concezioni, vecchi pregiudizi. Risposta ai commenti. Giornale Italiano di Psicologia XLIII(1-2):181-194, 2016.]

4. [Söderström-Anttila V, Wennerholm UB, Loft A, Pinborg A, Aittomäki K, Romundstad LB, Bergh C. Surrogacy: outcomes for surrogate mothers, children and the resulting families-a systematic review. Hum Reprod Update. 2016 Mar-Apr;22(2):260-76.]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...