Antisessismo

Il Piano Sessista ed Eteronormativo di Non Una Di Meno

Annunci

(Immagine de “Il bonobo pensatore” per la campagna/hashtag #NonUnaETERODiMeno)

Qualche giorno fa, l’associazione femminista “Non Una di Meno” ha pubblicato un documento dal nome “Abbiamo un Piano”, allo scopo di analizzare il problema della “violenza sulle donne” ed avanzare richieste alle istituzioni. Come prevedibile, il documento presenta molte criticità. Vediamole insieme:

1) COLPEVOLIZZAZIONE DEGLI UOMINI E NEGAZIONISMO DELLA POSSIBILITÀ CHE POSSANO ESSERE VITTIME ANCHE LORO
Nel documento si parla in continuazione di patriarcato e di “violenza maschile contro le donne”. Nessun accenno alle vittime maschili e al fatto che i centri antiviolenza aperti a loro si contano sulle dita di una mano, nonostante i dati mostrino una sostanziale simmetria di genere per quanto riguarda violenza domestica, stupri e autori di omicidi. No, meglio concentrarsi solo sulle vittime femminili!
Non Una di Meno, che per quanto segue sarebbe meglio rinominare Non Una ETERO di Meno, addirittura stigmatizza la possibilità di centri antiviolenza neutri per il genere, aperti cioè non solo alle donne etero, ma anche agli uomini etero e agli uomini e alle donne in una relazione omosessuale. Cito (il maiuscolo è mio):

“La Conferenza Stato Regioni ha definito i requisiti minimi necessari dei Centri Antiviolenza e delle Case Rifugio per il loro riconoscimento a livello nazionale e per poter accedere al riparto delle risorse finanziarie. Quanto stabilito lascia ampi spazi nella definizione di CAV e di chi può candidarsi a gestirlo, consentendo l’attivazione di servizi NEUTRI, assistenzialistici e privi di competenze specifiche che non sono in grado di accogliere le donne e accompagnarle in un percorso di autonomia e autodeterminazione. […] In quest’ottica pretendiamo che la definizione di CAV e Case Rifugio, così come gli enti chiamati a gestirli e il ruolo delle operatrici e la loro formazione, riflettano i principi espressi in questo Piano [e nel piano si parla di donne etero come uniche vittime, ndr]“.

2) ESCLUSIONE DELLE VITTIME MASCHILI ED LGBT+ DAI SERVIZI ANTIVIOLENZA
E’ una conseguenza di quanto sopra. Nel paragrafo “Libere di (Auto)Formarci e di Formare”, Non Una Di Meno chiede:
Operatrici donne (e quindi esclusione di operatori uomini) per i Centri Antiviolenza
– Servizio improntato sulle donne vittime di violenza maschile, che dunque esclude l’assistenza a vittime maschili ed LGBT+ di violenza domestica e sessuale
– Formazione di insegnanti, operatori socio-sanitari, consulenti, avvocati ed educatori, a una visione quindi che è nettamente di parte e che ostacolerà dunque il riconoscimento di uomini e persone LGBT+ come vittime di violenza, nonostante ancora oggi denuncino molto meno delle donne etero proprio in virtù dello stigma sociale
Attività di lobbying: nel piano si includono nella formazione anche le “istituzioni politiche”
Attacco alla neutralità dei magistrati e delle forze dell’ordine: includendo anch’essi nella formazione, si rafforzerà ancora di più il sessismo giuridico, che porta gli uomini a essere arrestati e incarcerati più spesso e ad avere sentenze più lunghe rispetto alle donne, il tutto a parità di reato commesso e di circostanze (come evidenziato da numerosi studi)
Influenza sui sindacati: il piano auspica “lo sviluppo di forme di raccordo virtuose tra questi ultimi [i Centri Antiviolenza femministi, ndr] e le associazioni sindacali”.

3) FEMMINISMO ANCHE IN OSPEDALE
– Il Piano recita:
“Per scongiurare la medicalizzazione e l’istituzionalizzazione degli interventi a favore delle donne che subiscono violenza pretendiamo che nell’elaborazione di qualsiasi iniziativa di contrasto a quest’ultima vengano coinvolti attivamente i CAV laici e femministi. Riteniamo infatti inadeguati e dannosi interventi di stampo esclusivamente assistenziale, emergenziale e repressivo, che non tengono conto dell’analisi femminista della violenza come fenomeno strutturale. Per questo esprimiamo contrarietà al cosiddetto “Codice Rosa” (codice di accesso al Pronto Soccorso riservato alle donne che subiscono violenza, coordinato da Procura, Regione e Azienda Sanitaria), e ne chiediamo la totale riorganizzazione al di fuori delle logiche securitarie che impongono percorsi obbligati, lesivi dell’autonomia e della libertà di scelta delle donne.”
Insomma, se prima c’era la possibilità di aiutare, per caso, gli uomini e le persone LGBT+ vittime di violenza domestica, nonostante il Codice Rosa sia qualcosa di estremamente sessista che ha sempre ostacolato tutto ciò, adesso togliamo anche questa piccola possibilità: gli ospedali devono ricorrere all’analisi femminista!
Magari evitando anche che decidano in merito gli organi preposti, mettiamoci le femministe direttamente a negare l’assistenza alle vittime! Questo è quanto vuole Non Una Di Meno.

– “Incoraggiamo l’apertura di nuove e sempre più numerose consultorie femministe e transfemministe, intese come spazi di sperimentazione, auto-inchiesta, mutualismo e ridefinizione del welfare”
Nuovamente, un attacco alla neutralità di un servizio statale.

4) IL FEMMINISMO COME MINISTERO DELLA VERITÀ
La Teoria del Patriarcato fa acqua da tutte le parti, ma loro pretendono di diffondere la loro narrativa unilaterale:

a) A SCUOLA: “formazione in materia di prevenzione della violenza di genere, mediazione dei conflitti ed educazione alle differenze per insegnanti, educatori ed educatrici”: questa visione della violenza ovviamente va ad escludere la sensibilizzazione sul fenomeno delle vittime maschili ed LGBT+ di violenza domestica e sessuale (che non corrispondono ai criteri di “violenza di genere” della narrazione femminista).
Si parla inoltre di “revisione dei manuali e del materiale didattico adottati nelle scuole di ogni ordine e grado e nei corsi universitari, perché la scuola non contribuisca più a diffondere una visione stereotipata e sessista dei generi e dei rapporti di potere tra essi”: nuovamente si introduce l’idea che vi sia un rapporto di potere tra i sessi, in cui gli uomini, genere privilegiato, hanno da sempre comandato e oppresso le donne, genere oppresso; si cerca dunque di diffondere una visione patriarchista, visione che da tempo abbiamo già smentito, più e più volte.

b) ALL’UNIVERSITÀ: in molte strutture americane il programma di studi di genere, che poteva essere benissimo usato per informare sulle questioni di minoranze appartenenti alla comunità LGBT+, affrontare i problemi di omofobia, bifobia, transfobia, riconoscimento dei diritti intersex, asessuali e poliamorosi, è stato dirottato, mutando un ambito originariamente neutrale, che avrebbe dovuto occuparsi delle questioni maschili e femminili in maniera indifferenziata, in mera retorica femminista; non a caso spesso il nome “studi di genere” è stato sostituito con “women’s studies”, “studi delle donne”.
Questo è quanto richiede anche Non Una Di Meno
, che parla de “la valorizzazione di luoghi di diffusione di culture e pratiche femministe all’università – sia sul piano curricolare con la creazione di corsi specifici, sia introducendo la prospettiva di genere nei corsi già esistenti”.
Si vorrebbe anche che le università e le scuole creassero “reti mutualistiche territoriali assieme a consultori, Centri Antiviolenza (CAV), associazioni femministe […] dove si possa progettare in cooperazione metodi e pratiche didattiche e di ricerca”; addirittura le strutture femministe dovrebbero formare “in materia di prevenzione della violenza di genere” (escludendo dunque le vittime maschili ed LGBT+) chi lavora in ambito scolastico e universitario, al punto da richiedere “che siano presenti nei corsi di abilitazione all’insegnamento”. Insomma si vorrebbe togliere la neutralità di spazi universitari e scolastici per sottometterli alla retorica patriarchista femminista.

c) SUL POSTO DI LAVORO, con corsi obbligatori tenuti da femministe allo scopo di informare sulla “violenza maschile sulle donne”.

d) Soprattutto, NEL GIORNALISMO, con modalità analoghe (corsi femministi obbligatori per essere abilitati alla professione). Ovvio il motivo dell’attenzione particolare al giornalismo, ossia la diffusione dell’ideologia patriarchista tramite mass media. Leggiamo infatti: “La violenza nasce dalla disparità di potere ed è strettamente connessa alla cancellazione sistematica delle donne e dei soggetti non conformi alle norme di genere: occorre promuovere un uso consapevole del linguaggio che sia rispettoso dei generi e che restituisca la storia delle donne.”
Il fatto che gli studi più autorevoli mostrino invece il contrario, ovvero che la violenza è simmetrica tra uomini e donne e che il patriarcato come motivo per essa non sta in piedi, è un dettaglio che Non Una Di Meno evita di menzionare.

Tra le linee guida più inquietanti da seguire per una narrazione “non sessista” troviamo:

– “La violenza è strutturale e come tale deve essere raccontata: occorre evitare di presentarla come emergenza o di trattare i fatti di cronaca come episodi privi di legami fra loro, dovuti a circostanze peculiari e fattori individuali
Ergo: bisogna presentarla come “violenza maschile sulle donne”, fenomeno sistematico da ricondurre al fantomatico Patriarcato. Alle donne le tutele e il monopolio della narrazione mediatica, agli uomini un bel niente, perché sono privilegiati e oppressori.

– “Le donne al centro: occorre fare riferimento a CAV [Centri Antiviolenza, ndr] e associazioni femministe come fonti principali di informazione
Associazioni femministe che, già di per sé poco imparziali, avrebbero tutto l’interesse a gonfiare i numeri della violenza sulle donne e a sgonfiare quelli della violenza sugli uomini, in modo da far sì che i CAV femministi prendano quanti più fondi possibile dallo Stato e soprattutto che non debbano spendere questi soldi per occuparsi anche delle vittime maschili ed LGBT+.

– “Gli uomini che agiscono violenza non sono mostri, belve, pazzi, depressi”: insomma, tutti gli uomini sono potenzialmente violenti. Gli uomini sarebbero tutti dei violenti di Schrödinger. Immaginiamo l’idea contrapposta, che per poche donne violente non esistano donne “mostri, belve, pazze, ecc.”, ma che tutte le donne siano potenzialmente violente, che tutte le donne siano delle violente di Schrödinger. Farebbe scalpore, giusto? Sarebbe offensivo, giusto? Sessista magari? E perché in questo caso no?

5) FINANZIAMENTI PUBBLICI A CENTRI ANTIVIOLENZA CHE ESCLUDONO VITTIME MASCHILI ED LGBT+
Non Una Di Meno richiede:
“Risorse e finanziamenti adeguati economicamente e rispondenti ai bisogni individuati dai CAV. I finanziamenti pubblici devono prevedere convenzioni o contratti a tempo indeterminato che coprano le spese di gestione annuali. Il contratto di finanziamento dovrebbe coprire tutti i servizi forniti, e non essere suddiviso in diverse parti”.
Secondo noi un Centro Antiviolenza dovrebbe invece ricevere finanziamenti pubblici SOLO ED ESCLUSIVAMENTE se dimostrasse di essere aperto e di sponsorizzare equamente i suoi servizi sia agli uomini che alle donne, sia a persone etero che a persone omosessuali e bisessuali, e sia a persone cisgender che a persone transgender e non-binarie.
Altrimenti non dovrebbe prendere nemmeno una lira dallo Stato.

6) PERCORSI FACILITATI PER LE DONNE CHE CERCANO LAVORO (MA NON PER GLI UOMINI)
Leggiamo:
“Che la formazione e l’orientamento al lavoro, per le donne coinvolte nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza, superino gli stereotipi sessisti, ossia non indirizzino l’occupazione delle donne su un arco ristretto e specificatamente “femminile” di opzioni. Per questo è opportuno implementare una rete di supporto che sia efficacemente collegata alle aziende, alle strutture istituzionali e agli enti territoriali e che preveda un percorso basato sul riconoscimento della centralità delle donne”.
Insomma, si richiede che alle donne sia concesso un favoritismo nelle assunzioni. Tutto ciò è discriminatorio e assolutamente in contrasto con i principi egualitari che reggono la società civile.

7) SALARI MINIMI, REDDITO DI AUTODETERMINAZIONE E WELFARE PER TUTT@ (MA IN REALTÀ SOLO PER LE DONNE)
Tutto molto bello, se non fosse che è tutto declinato al femminile.

– IL SALARIO MINIMO PER LE DONNE lo vogliono perché secondo loro c’è il gender pay gap (che invece non esiste… o pensiamo che i sindacati inseriscano il gender gap nei contratti collettivi di lavoro?!). Ovviamente SOLO per le donne, eh!

– IL REDDITO DI AUTODETERMINAZIONE PER DONNE CHE VOGLIONO USCIRE DALLA VIOLENZA:
In soldoni, diamo dei soldi per convincere le donne (etero e cisgender, in quanto vittime universali di violenza; uomini etero e gay, insieme alle lesbiche e alle persone trans, ne saranno esclusi. Alla faccia della parità!) a denunciare i propri aguzzini. Ok, qui c’è da ridere per non piangere. Perché se va bene, stai creando una fabbrica di truffe. Se va male, ad essere ottimisti centuplichi le false denunce.

– IL REDDITO DI AUTODETERMINAZIONE PER LE DONNE IN QUANTO DONNE: detta così sembra il riciclo del punto precedente, ma leggendo la descrizione sul sito di Non Una Di Meno ci si accorge che è molto peggio: “reddito di autodeterminazione di base, slegato dalle condizioni lavorative, di soggiorno e di cittadinanza”. Insomma, si sta dicendo: “Sei donna?” – “Sì!” – “Bene ti diamo tot euro per sostenerti economicamente perché non importa se sei schifosamente ricca, ti meriti quei soldi perché sei donna e sei nata con l’apparato riproduttivo giusto”.

– UN WELFARE PER I DISABILI SOLO SE DONNE:
leggiamo che si parla di un welfare apparentemente universale ma poi lo stesso richiede “il rafforzamento dei servizi e delle infrastrutture a sostegno delle donne disabili, la cui carenza aggrava peraltro l’esposizione di queste ultime alla violenza”: insomma se sei un uomo disabile non subisci violenza e anche se la subisci chissenefrega, secondo Non Una Di Meno.

– Sempre parlando del loro modello di WELFARE APPARENTEMENTE UNIVERSALE, esso è finalizzato a “riconoscere garanzie e diritti sociali non solo alle donne, ma alle persone migranti, alle soggettività lesbiche, gay, trans, queer e intersex”. Al 95% degli uomini quindi no, mentre agli uomini gay e alle altre persone LGBT+ solo a parole ma non nei fatti, visto che l’attenzione di Non Una (Etero) di Meno è solo sulla “violenza maschile contro le donne”, mantra che viene ripetuto fino alla nausea e che è presente persino sulla copertina del piano. Per entrare nei Centri Antiviolenza così come da loro concepiti, devi necessariamente essere una donna che ha subito violenza da un uomo, altrimenti non ci entri.
Uomini etero, gay e bisessuali e donne lesbiche e bisessuali che sono state con donne sono tutti esclusi.
Questa non è inclusività, ma esclusività misandrica ed eteronormativa.


8) DONNE MIGRANTI FACILITATE RISPETTO AGLI UOMINI MIGRANTI
– Recita il piano:
“Pretendiamo intanto l’applicazione di procedure semplificate, accelerate e requisiti ridotti per l’ottenimento della cittadinanza per le donne migranti”.
E gli uomini migranti? A Non Una Di Meno non importa. Sessismo anche nell’antirazzismo!

– “L’effettivo accesso alle procedure e il riconoscimento della protezione internazionale per le donne che si sottraggono a ogni forma di violenza. A tal fine chiediamo il riconoscimento esplicito delle donne e delle soggettività LGBT*QIA+ come determinato “gruppo sociale” ai fini della legislazione sulla protezione internazionale.
Questo significa richiedere protezione internazionale solo per le donne, ignorando gli uomini vittime di violenza. Addirittura si associa la condizione delle donne a quella delle persone LGBT+, comparando così un atto di violenza (anche privo di matrice sessista) verso una donna con una violenta oppressione sistematica di un individuo ad esempio perché omosessuale.
Inoltre si pone il sessismo contro un 50% della popolazione, le donne (la misoginia), come intrinsecamente più grave di quello contro l’altro 50%, gli uomini (la misandria), comparandolo invece all’oppressione che subirebbe una minoranza (una minoranza non è il 50% del totale, però!).

– “Deve essere praticato un approccio femminista sia nei percorsi dedicati alle vittime di tratta sia a quelli per le richiedenti asilo, con l’obiettivo che l’utenza diventi agente delle strategie di fuoriuscita dalla violenza”
Secondo Non Una Di Meno, le vittime maschili di tratta (ad esempio per lavori forzati) ovviamente vanno ignorate, così come i richiedenti asilo uomini!

– “Che sia allargata la tutela del permesso di soggiorno per le donne che subiscono qualunque forma di violenza (art. 18 bis TUIMM), anche episodica e sul posto di lavoro, svincolandolo dal percorso giudiziario/penale, e garantendone l’accesso effettivo alle donne prive di documenti sul territorio.”
Nuovamente: e gli uomini che subiscono violenza? Ah vero loro non importano!

9) INTERSEZIONALISMI IMPROBABILI: LA VIOLENZA AMBIENTALE SULLE DONNE
Cito:
“Vediamo la necessità di inserire nel nostro piano il tema della violenza ambientale sulle donne, su tutti gli esseri viventi e sulla natura stessa, intesa come tessuto bio-relazionale in cui siamo tutte interconnesse, perché riconosciamo nel modello antropocentrico, neutro-maschile, eterosessuale corrente un dispositivo di dominio patriarcale che impone come “naturale” un sistema di oppressione e sfruttamento dei corpi.
Definiamo “violenza ambientale” quella che si attua contro il benessere dei nostri corpi e gli ecosistemi in cui viviamo attraverso pratiche di sfruttamento biocida, ossia attraverso uno sfruttamento che impiega mezzi e sostanze nocivi per la salute dei microrganismi animali e vegetali […]”

In pratica, i maschi brutti e cattivi hanno creato il sistema capitalista e neoliberista che sfrutta le risorse ambientali e opprime non solo le donne, ma qualsiasi essere vivente. Ovviamente, il sistema capitalista e le sue storture non esisterebbero se governassero le donne, perché si sa, le donne sono brave, buone, pure, incorruttibili, altruiste e tanto altro.
Desta molte perplessità anche questo passaggio, che non commento perché troppo criptico:
“[…] è violenza ambientale quella che disegna spazi urbani e rurali attraverso logiche che non rispondono alle esigenze delle donne e nega accesso agli spazi abitativi e non […]”

10) OPPOSIZIONE ALLA BIGENITORIALITÀ
Non Una di Meno si oppone all’affidamento alternato perché “causa pregiudizio e svuotamento dei diritti economici delle donne (la perdita del diritto all’assegnazione della casa familiare e del mantenimento)”. Parafrasando, ciò che si sta dicendo è che ogni donna che si separa dal marito dovrebbe aver diritto in automatico a un mantenimento e alla casa familiare. Questi non sono diritti, ma soprusi. Una donna che non sia oggettivamente impossibilitata a farlo dovrebbe cercarsi un lavoro, pagarsi l’affitto e provvedere da sola a sé stessa, come fanno tutti gli altri. Senza violare i diritti del marito, che per l’unica “colpa” di esser stato sposato, si vede costretto a finire in mezzo alla strada e a corrispondere assegni vita natural durante per non si sa bene quale “disabilità” della moglie. Altrimenti il matrimonio e il divorzio si trasformeranno (come già ormai sono) in un business, il che sarebbe una cosa disgustosa e con conseguenze sociali molto gravi.

11) FACILITAZIONI PER LE LAVORATRICI DONNE RISPETTO AI LAVORATORI UOMINI
– Si vuole inoltre “vietare il licenziamento e prevedere il trasferimento dai luoghi di lavoro con assicurazione di ricollocazione, il diritto alla flessibilità di orario, l’aspettativa retribuita e la sospensione della tassazione per le lavoratrici autonome”.
Non è ben chiaro se queste ultime misure sono rivolte solo alle donne vittime di violenza o a tutte le donne, certo è però che se parli di lavoratrici autonome allora ti stai riferendo a tutte le lavoratrici autonome. In caso contrario andava specificato. Dunque si tratta di misure facilitate per le donne, attuando una piena discriminazione a carico degli uomini.

12) CONGEDI PER LE DONNE, MA NON PER GLI UOMINI, VITTIME DI VIOLENZA
Non Una Di Meno chiede di “Modificare il congedo lavorativo per violenza (articolo 24 del D.lgs. n. 80/2015) che esclude le lavoratrici addette ai servizi domestici e familiari e non garantisce l’anonimato.”
Il problema è che il congedo è solo per donne: “Art. 24. Congedo per le donne vittime di violenza di genere”.
Quindi la prima cosa da chiedere è che venga esteso anche agli uomini vittime di violenza domestica, e che la dizione “violenza di genere” venga sostituita, in modo da potersi applicare anche alle persone LGBT+ vittime di violenza dal/la partner.

13) ALTRE MISURE A SENSO UNICO
– “[…] vietare di procedere a valutazione psicologica e psicodiagnostica sulle donne vittime di violenza e sulla loro capacità genitoriale, valutazione che dovrebbe essere centrata sulla sola figura paterna evitando l’equiparazione dell’uomo maltrattante alla donna maltrattata”
Si suppone che lo standard sia quello di procedere a valutazione psicologica su entrambi i partner in ogni caso di violenza, indipendentemente dal sesso. Se si vuole vietare di fare la valutazione psicologica sulla donna maltrattata, allora bisognerebbe vietarla anche quando è l’uomo ad essere maltrattato. Non Una di Meno, naturalmente, non si preoccupa di richiedere anche questo, perché ritiene la violenza uomo su donna l’unica esistente.
Stessa cosa quando si chiede “l’applicazione dei provvedimenti ablativi e/o limitativi della responsabilità genitoriale paterna”: o vale anche per quella materna o si ha una disparità di trattamento.

– “Ampliare, modificare e applicare su tutto il territorio nazionale l’esperienza della Delibera 163 del Comune di Roma prevedendo che il contributo quadriennale per l’affitto sia destinato anche alle donne uscite da situazioni di violenza; a tal fine è necessario che sia equiparata, per gravità e urgenza, la necessità di fuga dalla casa familiare per sottrarsi a una situazione di violenza all’essere colpite da una ingiunzione di sfratto, esperimento già utilizzato con successo in alcuni municipi di Roma Capitale
Idem come sopra: o vale anche per gli uomini usciti da situazioni di violenza, o è discriminazione.
Essendo già stato applicato a Roma, inoltre, chiediamo che dove è stato messo in pratica venga esteso a tutti, uomini e vittime LGBT+ inclusi.

– “Prevedere l’istituzione di un fondo di garanzia che permetta una stipula del contratto facilitato per le donne, che potrebbero così avvalersi dei Centri Antiviolenza e delle Associazioni che li gestiscono come garanti”
Ancora una volta: o vale anche per gli uomini, o è discriminazione.

– “Assegnare nelle graduatorie per le case popolari massimi punteggi per le donne che hanno avviato un percorso di uscita dalla violenza presso i CAV”
Dovrebbe valere anche per gli uomini o non dovrebbe valere per nessuno.

– “Mettere a disposizione il 10% del patrimonio pubblico per l’implementazione di case di Semiautonomia gestite da Centri Antiviolenza, e di case con affitti calmierati per donne che escono da situazioni di violenza, da sole o in co-housing, per una durata di 4 anni
Centri Antiviolenza che però, come abbiamo visto sopra, non accolgono uomini e, al di là di una certa retorica vuota e contraddittoria, non accolgono neanche le vittime LGBT+ (visto che lo sforzo di Non Una di Meno è tutto incentrato sulla lotta alla “violenza maschile contro le donne”).

– “Mettere a disposizione per attività di imprenditoria femminile una percentuale dei beni commerciali confiscati”
Trattasi di discriminazioni “positive”, solo per donne, la morte della meritocrazia.

14) ALTRE VISIONI DISTORTE DEI FATTI
Nella sezione “Violenza assistita: minori” si legge: “[…] gli episodi di violenza spesso si amplificano con la cessazione della convivenza familiare e vedono le e i figl@ strumentalmente utilizzat@ dai padri contro le madri.
Questa interpretazione è estremamente di parte. Come fanno i padri a strumentalizzare i figli se a loro non li affidano quasi mai? È più facile mettere un figlio contro l’altro genitore se ce l’hai sempre o quasi sempre da te, o se lo vedi solo ogni morte di papa? E ricordiamoci che l’affido condiviso è condiviso solo nel nome ma non nei fatti, che sono sotto gli occhi di tutti. Non a caso, si distingue tra affidamento – che implica il diritto a prendere decisioni per il futuro del bambino, come la scuola che dovrà frequentare – e collocamento, che è dove il bambino va a stare: abbiamo un affido condiviso ma non una residenza alternata, non un collocamento condiviso, che sarebbe la vera uguaglianza nella custodia dei figli dopo il divorzio.

15) DANNEGGIARE ANCHE LE DONNE CHE SI VOGLIONO PROTEGGERE
Il piano infatti agisce anche “contrastando in sede penale ogni forma di obbligatorietà della denuncia e procedibilità d’ufficio dei reati – che limiti il diritto di autodeterminazione delle donne”. Altrove sempre su Non Una Di Meno spunta anche lo slogan: “Nessun obbligo di denuncia nei pronto soccorso senza il consenso delle donne”: una simile proposta non contrasta la violenza, anzi fa solo compiere dei passi indietro. Una denuncia che proviene da un ente terzo e con delle referenze, come una struttura sanitaria, durante un processo ha un livello probatorio maggiore. Oltretutto attraverso la denuncia in automatico, si aiutano persone che rischierebbero la vita restando in una situazione che in nessun modo può essere accettata, anche se consensuale alle vittime (si può davvero parlare di consenso in un contesto di paura, minacce e terrore per la propria vita?).

16) ACCUMULARE DATI… FREGANDOSENE DELL’UNDER-REPORTING
Non Una Di Meno vuole accumulare dati partendo da chi si rivolge ai Centri Antiviolenza o comunque da un campione femminile. Il problema è che ovviamente, se le offerte dei centri e le altre rilevazioni si rivolgono alle sole donne etero, resta un numero sommerso di vittime maschili ed LGBT+ che non verranno calcolate. Noi chiediamo, al contrario, che l’ISTAT raccolga dati non solo sulla violenza sulle donne, ma anche sugli uomini, come già accade in altri Paesi. Chiediamo inoltre che nei sondaggi sulla violenza domestica vengano inclusi campioni rappresentativi della comunità LGBT+ in modo da sensibilizzare sulla loro condizione e istituire servizi antiviolenza estesi e diretti anche a loro, così agli uomini di qualsiasi orientamento sessuale.

Il piano termina con una sezione: “Libere di Dare i Numeri”. In questo siamo d’accordo con Non Una (Etero) Di Meno: con questo piano state davvero dando i numeri!

Annunci

Annunci