Archivi del mese: marzo 2018

Elezioni 2018 e misandria: un’analisi dei partiti

DESTRA SINISTRA VALE VALE2

Fonte: http://www.linterferenza.info/lettere/la-misandria-dei-partiti-candidati-le-elezioni-2018/

“Fin da quando ero piccolo ho sempre creduto fermamente che fosse un diritto inalienabile di tutti gli individui quello di ricercare la propria felicità, di autorealizzarsi, e che questo diritto non dovesse essere influenzato dalle diverse condizioni di nascita con cui ognuno di noi è venuto al mondo.
Credo fermamente nella parità tra sessi, etnie, condanno con tutto me stesso ogni atto di discriminazione basato sulla differenza di orientamento sessuale, di identità di genere, così come ogni forma di razzismo, fascismo e sessismo.
Mi sono però accorto che nella politica italiana e probabilmente anche in quella internazionale, questo principio è stato distorto in favore di quello per cui esisterebbero delle discriminazioni buone e delle discriminazioni cattive, un sessismo buono e un sessismo cattivo, uno accettabile e uno no.
Questo atteggiamento, come sarà possibile notare da soli leggendo i dati che semplicemente riporto, non ha colore politico, non ha partito, non è né di destra né di sinistra e, ahimè, ciò significa anche che non ci lascia alcuno scampo, non ci lascia alcuna scelta nella decisione che andremo a prendere questa domenica, il giorno delle elezioni.
Ed è per questo motivo che, pur avendo sempre sostenuto ideologicamente numerose battaglie politiche, quest’anno ho deciso di astenermi dal voto, non come fuga da un dovere, bensì come dovere politico e morale, perché ritengo che la politica del meno peggio non possa applicarsi quando parliamo di esseri umani, di esseri senzienti, di persone che in base alla scelta che faremo vedranno la loro vita radicalmente cambiare e probabilmente cambiare in peggio. Questo è il motivo del mio astensionismo, e con questa mia analisi sul programma dei vari partiti e di come essi siano inevitabilmente corrotti e irrecuperabilmente deformati dalle più becere forme di sessismo e misandria, vorrei spiegare come sono arrivato a questa conclusione.
Ho elencato qui tali criticità per ognuno dei principali partiti che si presenteranno alle elezioni del 2018. Data la lunghezza del documento è possibile passare direttamente al paragrafo relativo al partito che ci interessa. I partiti presi in esame sono:
– Movimento 5 Stelle (M5S)
– Forza Italia (FI)
– Fratelli d’Italia (FdI)
– Partito Democratico (PD)
– Lega
– Liberi e Uguali (LeU)
– +Europa
– Civica Popolare (CP)
– Insieme
– Potere al Popolo (PaP)

Iniziamo!

:: Movimento 5 Stelle ::

1) Il M5S candida Andrea Girolamo Coffari di Gilferraro*, autore di audizioni contro l’affido condiviso**, promotore di leggi contro la protezione dei bambini dall’abuso dell’alienazione genitoriale; e se non basta andate a leggere cosa scrive LiberoQuotidiano***.

* http://www.firenzetoday.it/politica/elezioni-2018/candidati-movimento-5-stelle-toscana-firenze.html
** http://www.senato.it/documenti/repository/commissioni/comm02/documenti_acquisiti/957%20Movimento%20per%20infanzia.pdf
*** http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1099352/Una-scenata-pianificata—L-audio-che-puo-imbarazzare–la-madre-di-Padova.html

2) Il M5S afferma, in risposta ad una petizione su Change.org:
“Il programma del M5S sul tema è inequivocabile: aumentare il lasso di tempo in cui è possibile denunciare una violenza, maggiori investimenti sul Piano Antiviolenza, raccolta sistematica dei dati sulla violenza di genere. Più nel dettaglio occorre anche inasprire il reato di violenza sessuale tramite la creazione di una fattispecie aggravata che preveda ******pene più severe nel caso di penetrazione******, oltre ad aumenti di pena per chi commette stupro di gruppo, valutando inoltre strumenti che possono incentivare a denunciare i colpevoli. Su questo tema ci vuole tolleranza zero e nessun compromesso al ribasso.”

Fonte: https://www.change.org/p/una-violenza-non-si-dimentica-metoo-pdnetwork-forza-italia-mov5stelle-liberi-uguali/responses/40746

Benissimo per tutto, salvo due cose:
– il piano antiviolenza e il parlare di “violenza di genere” prevede che la mossa sia indirizzata alle sole donne;
– “pene più severe nel caso di penetrazione” E’ UN’ABERRAZIONE. Significa creare anche da noi, come nel Regno Unito, una distinzione tra stuprati di serie B e stuprate di serie A. Significa creare una distinzione come negli USA dove gli uomini che hanno subito violenza sessuale non vengono considerati “stuprati” ma “forzati a penetrare” perchè loro non sono stati penetrati e quindi non vengono considerati “vere” vittime di stupro.

Tutto questo è ABERRANTE e mi batterò con le unghie e con i denti per evitare che accada, perchè già pochissimi uomini stuprati usano per loro stessi questa parola (molti pensano soltanto che “qualcosa sia andato storto”, si sentono “usati”, e usano altri eufemismi), ancora di meno lo dicono a qualcuno, ancora di meno vanno a denunciare per vedersi ridere contro, ancora di meno denunciano lo stesso, e ancora di meno portano avanti la denuncia.
Quando, dopo tutti questi dolorosissimi step, un uomo stuprato deve vedere la propria stupratrice fare meno anni di uno stupratore maschio, allora vuol dire che siamo al colmo.
Vuol dire che c’è qualcosa che non va.
Vuol dire creare ostacoli e favorire gli stupri.
Ripeto ancora: non lascerò in alcun modo che una simile modifica passi.

3) Leggiamo nel programma, sempre sul tema:
“Piena attuazione del piano nazionale antiviolenza”, ovviamente però soltanto per le vittime femminili, infatti si legge che si richiede “la messa in sicurezza e il sostegno economico delle donne vittime di violenza” e non delle vittime di violenza domestica in generale, sia uomini che donne.

Messa in sicurezza e sostegno economico per gli uomini vittime di violenza non vengono contemplati.
Anche se dopo parla del “finanziamento delle attività e la formazione permanente di tutti gli operatori che entrano in contatto con le vittime di violenza”, essendo stato evidenziato in precedenza che ci si riferiva alle sole vittime femminili, è naturale pensare che tale finanziamento alle attività e formazione dei servizi e operatori antiviolenza escluda servizi e attività di aiuto alle vittime maschili.

Nel programma Salute viene aggiunto, inoltre: “messa a punto delle reti antiviolenza territoriali, implementazione del previsto sistema integrato di raccolta ed elaborazione dei dati finalizzato alla banca dati nazionale; attività di prevenzione e contrasto a molestie e violenze nei luoghi di lavoro”, il tutto sempre indirizzato comunque solo alle donne. Ovviamente servizi antiviolenza per vittime maschili, raccolta di dati sulle vittime maschili, prevenzione e contrasto a molestie e violenze contro gli uomini sono esclusi.

4) Andiamo avanti: “prevenzione della violenza​, delle discriminazioni e degli stereotipi sessisti nella rappresentazione della donna” ma non nella rappresentazione dell’uomo.
Tale rappresentazione verrà regolamentata in diversi settori, tra cui: la pubblicità, i mezzi di comunicazione, i libri scolastici, le società del settore pubblico e privato.

5) “Educazione di genere” nelle scuole, in cui ovviamente il rispetto è solo dell’uomo verso la donne e non anche viceversa.

https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Affari-Costituzionali.pdf

6) Il M5S afferma di voler trattare diversamente i soggetti vulnerabili e fornire loro maggiori tutele nella gestione dei flussi migratori:

“Nella gestione dei flussi migratori particolarmente problematica è la tutela dei soggetti vulnerabili , al fine di offrire loro adeguato sostegno e orientamento. Il Movimento 5 Stelle sosterrà ogni intervento diretto a salvaguardare i diritti inviolabili dei soggetti vulnerabili […] e a garantire loro la dovuta assistenza, la predisposizione di progetti educativi, d’ integrazione sociale, nonchè l’adeguata formazione di tutte le diverse figure con cui verranno in contatto durante le procedure.”

Il problema è che nell’elenco di tali soggetti vulnerabili troviamo, oltre a classificazioni normali come “minori, in particolar modo quelli non accompagnati, gli anziani”, “vittime di tortura, stupri o altre forme gravi di violenza psicologica, fisica o sessuale”, anche le donne.

Questo significa richiedere che, nella gestione dei flussi migratori, si dia maggiore tutela alle donne rispetto agli uomini, si garantisca loro maggiore assistenza rispetto agli uomini, si predispongano progetti educativi e d’integrazione sociale non accessibili agli uomini e si formino figure per venire in contatto con le donne ma non con gli uomini.
E tutto questo è discriminazione in base al sesso.

https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Immigrazione.pdf

7)
Leggiamo ancora, nel programma:

“Proponiamo inoltre l’ innalzamento delle indennità di maternità dall’80% al 100% e un premio di 150 euro al mese, per 3 anni, a maternità conclusa, per le donne che rientrano al lavoro, e sgravi contributivi per le imprese che mantengono al lavoro le lavoratrici dopo la nascita dei figli.”

Ovviamente tutto ciò non si applica agli uomini, non si applica per l’indennità di paternità, non si parla di alcun premio per gli uomini che rientrano al lavoro dopo il congedo di paternità, e soprattutto non vi sono sgravi contributivi per le imprese che mantengono al lavoro i lavoratori uomini dopo la paternità.

https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Lavoro.pdf

8) “introdurre politiche efficaci per la famiglia​, per consentire alle donne di conciliare i tempi della famiglia con i tempi del lavoro​, anche attraverso servizi e sostegni reddituali adeguati.”

Qualcosa, a questo punto, ci fa credere che tali servizi e sostegni reddituali non saranno indirizzati anche agli uomini.

9) “garantire la libera scelta della donna riguardo la maternità e le condizioni appropriate del parto fisiologico​, creando le condizioni assistenziali, sociali ed economiche affinché tale scelta possa essere effettiva, tutelando anche la donna che scelga di non portare avanti una gravidanza attraverso la presenza di personale non obiettore e percorsi assistenziali protetti in tutte le strutture;”

Tutto perfettamente lecito, peccato però che non si richieda anche di garantire la libera scelta dell’uomo riguardo la paternità, e quindi anche la rinuncia alla paternità nel caso in cui il padre non volesse diventare genitore legale del bambino durante il periodo in cui la madre può abortire o dare il figlio in adozione.

https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Salute.pdf

10) Il M5S vuole “prevedere un fondo adeguato a garantire, in una fase transitoria che anticipi una adeguata regolamentazione, la tutela per le atlete donna durante il periodo della maternità”.
Insomma, fondi per la maternità alle atlete donne e zero fondi per la paternità agli atleti uomini.

https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Sport.pdf

11) In generale, troviamo continui accenni al congedo maternità nel programma del Movimento 5 Stelle, senza mai richiedere un’equiparazione totale delle modalità e dei tempi di durata del congedo tra padri e madri.

:: Forza Italia ::

1) Berlusconi afferma: “Per quanto riguarda le casalinghe che sono sette milioni e mezzo e fanno un lavoro faticoso: daremo la pensione minima di 800 euro più 200 presi dal fondo delle casalinghe per poter arrivare a 1.000 euro“.

https://www.newslavoro.com/berlusconi-promette-mille-euro-al-mese-alle-casalinghe-e-abolizione-di-equitalia/

Tale mossa la ritroviamo anche nel programma di Forza Italia, dove leggiamo: “Difesa delle pari opportunità e tutela delle donne con riconoscimento pensionistico a favore delle madri” e “Aumento delle pensioni minime e pensioni alle mamme”.

Ovviamente si tratta di una misura assolutamente sessista, che aiuta soltanto la povertà maschile ad espandersi e alimenta la sacrificabilità degli uomini per la società.
Secondo Berlusconi infatti una persona che si occupa della casa deve essere donna, “una mamma”, “le nostre mamme che meritano una pensione per una vecchiaia serena e dignitosa”. E i nostri padri? E i casalinghi? Non esistono, perché per questa gente e per la società in generale solo l’uomo deve mantenere, la donna non deve mantenere l’uomo, e quindi se sei uomo e perdi il lavoro puoi andartene direttamente per strada.

L’uomo deve scegliere tra:
– lavorare per sé se anche la moglie lavora;
– lavorare e mantenere la moglie/compagna;
– lavorare e mantenerla un pochino se la moglie lavora part time.

La donna invece può scegliere tra:
– lavorare, se le va;
– farsi mantenere;
– lavorare part time e farsi mantenere per il resto.

E se un uomo non riesce a mantenere? Beh la società gli dice che non vale nulla, la cultura convince le donne a non prenderlo ed ecco che gli uomini diventano il 95% dei suicidi per motivi economici e la stragrande maggioranza dei senzatetto. Ecco perché gli uomini casalinghi sono ancora oggi stigmatizzati e considerati degli sfaticati.

Le donne possono chiedersi “voglio lavorare o mi faccio mantenere?”. Questa scelta gli uomini non ce l’hanno, e Berlusconi cerca di mantenere le cose in questo stato.

2) Sempre nel programma di FI troviamo: “Tutela del lavoro delle giovani madri”. Ovviamente giovani padri esclusi.

3) Leggiamo anche “Piano straordinario per la natalità con asili nido gratuiti e consistenti assegni familiari più che proporzionali al numero dei figli”, e, sebbene sia una proposta neutra per il genere, dopo quanto abbiamo sondato finora ci sembra logico pensare che se verrà applicata probabilmente sarà indirizzata alle sole madri.

Fonte del programma: http://www.forzaitaliaromacapitale.it/wp-content/uploads/Programma-centrodestra-condiviso-10-PUNTI-FORZA-ITALIA.pdf

:: Fratelli d’Italia ::

1) Nel programma di FdI, leggiamo: “Rilancio dell’occupazione femminile, garantendo il part-time e diffondendo il telelavoro; tenuto conto che l’indice di natalità aumenta dove cresce l’occupazione femminile” e “Le nuove coppie non hanno garanzie di sostegno: […] assenza di tutela delle donne con contratti atipici” (solo donne, eh! Gli uomini con contratti atipici chissene frega, giusto?)

http://www.fratelli-italia.it/le-sfide-per-l-italia-9-gennaio-pomeriggio/

Questo punto abbastanza generico sull’occupazione femminile viene specificato meglio in un’intervista di Giorgia Meloni su Il Sole 24 Ore, dove le chiedono: “A proposito di donne: che ne pensa della pensione per le mamme di Berlusconi?”. La risposta è la seguente:

“Alle mamme va anzitutto garantita la scelta di poter lavorare e questo significa servizi, asili, aiuti per i figli ma anche per le aziende che assumono donne. […] Questa per me è la priorità.”

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-02-26/giorgia-meloni-cosi-sosterremo-lavoro-donne-214720.shtml?uuid=AEjFX86D&refresh_ce=1

Insomma, servizi solo per donne, aiuti per figli solo per donne e aiuti alle aziende che assumono donne. Nessun servizio per gli uomini, nessun aiuto per figli per gli uomini e mancanza di meritocrazia nell’assunzione da parte delle aziende.

2) Sul sito di FdI, si legge, inoltre:
“Il femminicidio non è soltanto l’omicidio di un essere umano, è un reato che ha l’aggravante del cosiddetto “omicidio di genere”, ovvero l’uccisione di una donna in quanto donna [cosa smentita dai dati, visto che il movente principale è la gelosia e quindi tu attacchi la persona in quanto tuo partner e non in quanto sconosciuta appartenente a un genere che odi, N.d.R.]. ****Né l’ordinamento italiano, né quello europeo contemplano il reato di femminicidio****, nonostante i più recenti aggiornamenti normativi (la 119/13). Ci sono leggi che se applicate, possono o arginare la crescita esponenziale di questo drammatico fenomeno, nella consapevolezza che le leggi sono sempre condizione necessaria, ma non sufficiente, se non integrate da un processo di maturazione sociale e da una educazione al rispetto delle differenze.”

http://www.fratelli-italia.it/2018/03/01/latina-rauti-necessaria-serrata-riflessione-femminicidio-inefficacemente-contrastato-dalle-leggi-italiane/

Il dire “né l’ordinamento italiano, né quello europeo contemplano il reato di femminicidio” mi inquieta assai, perché lascia intendere una volontà di rendere le leggi sulla violenza sul partner (già non proprio imparziali, perlomeno non nei fondi per i centri antiviolenza e nei servizi d’assistenza alle vittime) non più neutre per il genere ma creando un reato ad hoc valido solo per le donne. Significherebbe rendere l’uccisione di una donna punita in maniera peggiore di quella di un uomo.

:: Partito Democratico ::

1) Chiede l’introduzione del reato di femminicidio anche Francesca Puglisi, Responsabile nazionale Scuola del PD, oltre che Presidente della “Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio nonché su ogni forma di violenza di genere” (il che la dice lunga!), istituita presso il Senato della Repubblica. Dello stesso avviso è Linda Lanzillotta, vicepresidente del Senato della Repubblica e anch’ella nel PD.

http://www.senatoripd.it/stampa/comunicati-stampa/puglisi-prossimo-parlamento-introduca-reato-femminicidio-bene-appello-organismi-parita-regionali/

Il reato di femminicidio sarebbe così un reato specifico che punirebbe con pene maggiori e più severe l’uccisione di una donna rispetto a quella di un uomo. Per dirla con un esempio, la donna che ha ammazzato il marito l’altra notte nel sonno sarebbe condannata sulla base di un reato diverso e meno grave rispetto al carabiniere che l’altro giorno ha tentato di uccidere la moglie. Si tratterebbe di una discriminazione schifosa, che distinguerebbe tra vite di serie A e vite di serie B, solo sulla base del sesso della vittima o del carnefice.

2) Inoltre nel programma del PD leggiamo:
“Offriremo anche un sostegno economico alle madri che vogliono tornare subito al lavoro.

E per i padri? Ah giusto loro nemmeno hanno un congedo di paternità degno di questo nome. Il PD chiede:
“Ed estendere per sempre a 10 giorni il congedo obbligatorio per i padri.”
Peccato che questa manovra sia completamente distante dai giorni, anzi, mesi, concessi alle madri. Lo stesso programma PD ammette che “Oggi le mamme, dopo la fine della maternità obbligatoria, possono restare a casa con una retribuzione pari al 30% dello stipendio per 6 mesi”. Questo quello facoltativo, in più il congedo di maternità obbligatorio è di un periodo di cinque mesi (due mesi precedenti la data presunta del parto e tre dopo). ( https://www.nostrofiglio.it/gravidanza/maternita-e-lavoro/il-congedo-maternita-che-cosa-e )

Il PD propone 10 giorni (che ad oggi sono solo solo 4 giorni) per i padri contro 5 mesi per le madri, per il congedo obbligatorio, più aggiunte facoltative di circa 6 mesi, che però si applicano solo alle madri visto che “Il congedo facoltativo del padre è invece condizionato alla scelta della madre lavoratrice di non fruire di altrettanti giorni di congedo maternità. I giorni fruiti dal padre anticipano quindi il termine finale del congedo di maternità della madre.” ( https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemDir=50584. )

Quindi non solo non si aggiusta questa discriminazione, ma se ne aggiunge un’altra.

In sintesi gli uomini non solo non hanno e non avranno i mesi di congedo delle donne, ma addirittura le donne potranno avere lo stesso pagamento dei mesi di congedo (maggiori degli uomini) lavorando come gli uomini che ne sono privi. Praticamente si sta legalizzando che per un certo periodo le donne siano pagate di più degli uomini per lo stesso lavoro.

3) Sempre nel programma PD troviamo “opzione donna”: “opzione donna” è una manovra che permette alle donne di andare in pensione prima, bypassando le richieste UE di equiparare donne e uomini nell’età pensionabile, e di fatto legalizzando una discriminazione.

Opzione Donna è approvata anche dal Movimento 5 Stelle, come leggiamo qui sul loro sito, “Pensioni, M5S vuole la proroga di ‘Opzione donna’. Conviene pure allo Stato”:
http://www.movimento5stelle.it/parlamento/lavoro/2017/09/pensioni-m5s-vuole-la-proroga-di-opzione-donna-conviene-pure-allo-stato.html

E sul loro programma, dove promettono “allargamento della possibilità di usufruire della cosiddetta “opzione donna”
https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Lavoro.pdf

4) Leggiamo poi, tornando al programma PD: “l’essere donna nella violenza sessuale contro queste ultime, non sono neutrali rispetto al reato, del quale costituiscono il fondamento.”

Probabilmente questo potrebbe lasciar presagire una richiesta di introdurre un’aggravante nell’essere donna per i reati di violenza sessuale, il che sarebbe un’ulteriore discriminazione per gli uomini stuprati, che sono molto più restii delle vittime femminili a denunciare.

5) Leggiamo ancora dal programma PD:
“Il rifinanziamento del fondo per i centri antiviolenza e per i centri per le vittime della tratta delle donne con incentivazione dei centri protetti, l’inserimento delle donne vittime nel mondo del lavoro, la formazione specifica delle forze dell’ordine e del personale sanitario sugli aspetti della violenza di genere.”

Ovviamente centri antiviolenza aperti a vittime maschili, aiuti a vittime maschili di tratta degli esseri umani, aiuto all’inserimento delle vittime maschili nel mondo del lavoro e formazione di forze dell’ordine e personale sanitario sulla violenza sugli uomini sono tutte cose escluse da questa promessa elettorale.

6) Il PD va avanti “Indicando due priorità chiare: natalità e occupazione femminile. Perché nei paesi dove le donne lavorano di più si fanno anche più figli.”

Ovviamente dobbiamo presagire che aiuto all’occupazione femminile significhi, in questo contesto, contrasto alla meritocrazia e discriminazioni sul lavoro contro gli uomini.

Fonte del programma: http://ftp.partitodemocratico.it/programma2018/PD2018-programmaA4_5feb.pdf

:: Lega ::

1) Dal programma della Lega leggiamo che Salvini chiede:
“Per le donne madri riduzione della età di pensionamento o dell’anzianità contributiva di 9 mesi per ogni figlio con un massimo di 3.”

E per gli uomini padri? Nada.

2) Anche Salvini chiede “Opzione donna: proroga per tutto il 2018.”

3) Leggiamo poi nel programma:
“Castrazione chimica per chi abusa di minori e per chi reitera il reato di violenza sessuale. In numerosi Paesi, la castrazione chimica è prevista, fra le pene possibili (ma il soggetto deve essere pienamente informato e consenziente).”

Ovviamente la castrazione chimica si potrebbe applicare ai soli uomini. E le donne abusatrici? E le pedofile? E le stupratrici? Questa richiesta dà per scontato che la violenza sessuale sia effettuata esclusivamente dagli uomini, nonostante i dati dei CDC abbiano mostrato che uomini e donne sono ugualmente inclini a stuprare (oops scusate, per le stupratrici non lo chiamano stupro, lo chiamano “forzare a penetrare”!).

4) Sempre nel programma della Lega, la violenza viene vista come esclusivamente qualcosa di attuato dagli uomini nei confronti delle donne, infatti si reputano “violenza domestica, molestie sessuali, stupro, matrimonio forzato, mutilazioni genitali e […] bambini […] testimoni delle violenze” come aspetti della “violenza di genere” o “violenza sulle donne”. Salvini parla, non a caso, di “piano strategico nazionale sulla violenza maschile 2017-2020 che andrebbe coordinato, attuato e integrato” e di attuazione della “Convenzione di Istanbul del maggio 2011 con riferimento alla violenza contro le donne”.

Le modifiche che propone relative allo stalking e alla violenza sulle donne, che a questo punto immagino saranno improntate verso un aiuto esclusivo alle donne ignorando le vittime maschili, sono:

“Prevedere un nuovo impianto normativo che:
» riduca i tempi della giustizia: prevedere tempi di intervento certi e più brevi;
» preveda la responsabilità del magistrato che prende in carico il fascicolo, se la denuncia viene ignorata;
» preveda, nei confronti del soggetto ammonito per stalking che reitera la condotta, l’allontanamento d’urgenza dalla casa familiare quale misura precautelare ad opera delle forze di polizia, individuando una speciale procedura ed una speciale squadra antistalking che abbia un filo diretto – anche telematico – con il pm deputato ad autorizzare la misura, evitando che resti del tutto inapplicata
» preveda, nelle ipotesi di stalking in cui l’indagato risulti già ammonito dal Questore, la facoltà per il PM di richiedere il giudizio immediato (in situazioni di elevata pericolosità e stress emotivo per la vittima, le lungaggini del procedimento penale possono risultare altamente lesive e in taluni casi spingere la vittima stessa a rinunciare a denunciare l’aggressore).
» attribuisca al provvedimento di ammonimento del Questore un maggior peso in ambito processuale, consentendo di velocizzare i tempi procedimentali tramite il giudizio immediato (allo stato attuale non fornisce alcuna concreta tutela per la vittima dagli atti persecutori)”

Sull’essere forcaioli o garantisti non mi pronuncio, ma in ogni modo la si veda, un provvedimento di questo tipo che si applichi solo ad un genere fa paura.

5) Il reato di femminicidio sembra presagirsi anche nel programma della Lega, leggiamo infatti: “Introdurre modifiche all’ordinamento penale per prevenire e reprimere il reato di “femminicidio” affinché coloro che si macchiano di reati gravi commessi a danno delle donne sia applicata una pena elevata e che venga effettivamente scontata”

Il fatto che si parli solo delle donne fa ritenere che l’attuazione di queste modifiche non sarà neutra per il genere.

6) Inoltre nel programma Lega leggiamo una proposta simile a quella del PD (sebbene in una certa misura diversa):

“Innalzamento delle retribuzioni delle donne in periodo di maternità facoltativa”
che similmente alla proposta PD creerebbe un’ulteriore discriminazione nella discriminazione per i padri.

7) “La frequentazione gratuita dell’Asilo non sarà subordinata a parametri di reddito almeno fino ai 60.000 euro, ma garantirà priorità di accesso alle mamme che lavorano e che sono residenti nel Comune da più di 5 anni.”

E i papà? Dimenticati.

8) “Introduzione del reato di coercizione del matrimonio di minorenni (spose bambine)”

I minorenni vittime di questo crimine possono essere anche maschi. La domanda resta una: il testo sarà neutro per il genere?

9) E infine:
“bocciatura per gli studenti che rifiutano di partecipare a determinate materie obbligatorie o che rifiutano il dovuto rispetto per i superiori di sesso femminile

Della serie: “uno studente dice qualcosa di misogino? Bocciato! Dice qualcosa di misandrico? Chissene frega!”

Fonte del programma: http://www.leganord.org/component/phocadownload/category/5-elezioni?download=1514:programma-lega-salvini-premier-2018

:: Liberi e Uguali ::

1) Il leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, ha più volte pubblicamente fatto accuse contro tutti gli uomini, generalizzando e dipingendo tutti i cittadini maschi come violenti.
Relativamente al tema molestie ha affermato, infatti:
“Siamo noi, noi uomini, a essere colpevoli. Non esistono giustificazioni, non esistono attenuanti, soprattutto non esistono eccezioni.”
https://www.facebook.com/PietroGrasso/posts/1807244319293816

In precedenza aveva fatto un’uscita simile, dicendo:
“A nome di tutti gli uomini ti chiedo scusa. […] Scusateci tutte, è colpa nostra, è colpa degli uomini. Non abbiamo ancora imparato che siamo noi, noi uomini, a dover evitare queste tragedie, a dover sempre rispettarvi [non rispetto nessun genere, rispetto le persone tutte, uomini e donne, indipendentemente da cosa hanno in mezzo alle gambe, caro Grasso, N.d.R.], a dover sradicare quel diffuso sentire che vi costringe a stare attente a come vestite o a non poter tornare a casa da sole la sera [peccato che le vittime di aggressioni per strada siano per la stragrande maggioranza uomini, N.d.R.]. È un problema che parte dagli uomini e solo noi uomini possiamo porvi rimedio.”

http://notizie.tiscali.it/politica/articoli/grasso-violenza-donne-a-colpa-uomini-scusateci-tutte/

Ovviamente la presidente della Camera Laura Boldrini (anch’ella candidata con Liberi e Uguali) ha subito applaudito il gesto.

Ora, immaginiamoci frasi del genere contro gli stranieri, contro i musulmani, contro qualunque altro gruppo sociale. Non sarebbe forse stata subito immediatamente tacciata (giustamente) di essere razzista e discriminatoria?

2) Nel programma di LeU si parla di “prevenzione e il contrasto della violenza di genere” in riferimento alle sole donne. Ergo si parla di esclusione della prevenzione e del contrasto alla violenza sugli uomini.

3) “Puntiamo ad annullare il divario salariale tra uomini e donne” che non esiste, o vogliamo forse pensare che i sindacati stipulino Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL) con la clausola della disparità salariale?

4) “Anche la maternità deve essere riconosciuta come fattore di possibile anticipo dell’età di pensionamento”.

Ma non la paternità, ovviamente.

5) “va garantita la stabilizzazione di “Opzione donna””
Quindi non solo come eccezione, già di per sé discriminatoria, ma proprio come prassi.

6)un’attenzione specifica [leggasi “discriminazione, N.d.R.] alla promozione del diritto alla salute delle donne
Nonostante gli uomini muoiano prima delle donne.
Voglio ricordare che un provvedimento del genere potrebbe incidere negativamente sulla salute fisica e sulla stessa possibilità di rimanere in vita di numerose persone di sesso maschile.

7) “È necessaria un’azione determinata e continua di contrasto alla violenza nei confronti delle donne”

Ma non di contrasto alla violenza nei confronti degli uomini.

8) “un piano straordinario per l’occupazione femminile che renda le donne libere di scegliere e fiduciose nel proprio futuro. Per fare questo abbiamo bisogno di una maggiore presenza femminile nella politica, nel mondo economico, nelle professioni.”
Leggasi “discriminazione sul lavoro legalizzata contro gli uomini e quote rosa anti-meritocratiche nella politica, nel mondo economico e sul lavoro in generale”.

Fonte del programma: http://liberieuguali.it/programma/

:: +Europa ::

1) Nel programma di +Europa leggiamo:
“È anche importante promuovere il ritorno delle donne al lavoro dopo la maternità, con strumenti che le garantiscano sotto il profilo della retribuzione e dell’inquadramento professionale.”

Frasi nebulose, non si sa quali strumenti si intendano, ma con tutto quello che hanno promesso gli altri partiti, mi permetto di aver paura di scoprirlo.

2) Stesse frasi nebulose le troviamo con “occorre mettere a disposizione delle donne strumenti molto più efficaci per la conciliazione tra lavoro e famiglia. In particolare, occorre continuare a intervenire sul piano dei servizi”.

Si intende servizi solo per donne? O cos’altro? Non si sa.

3) “Occorre rivedere il nostro welfare […] con interventi mirati e miglioramento dei servizi, soprattutto a favore delle donne e delle famiglie giovani”

Ancora una volta, si parla (più o meno esplicitamente) di interventi mirati e di servizi solo per donne. Il fatto che si includano i giovani non deve ingannare: un ragazzo avrà un’agevolazione solo in quanto giovane, una ragazza avrà doppia agevolazione sia come giovane che come donna. E questa sì, è discriminazione.

4) “Contributi alla formazione, sostegno al reddito e servizi che consentano alle donne di conciliare famiglia e lavoro sono le nostre priorità per garantire giustizia sociale e per promuovere la crescita del nostro paese, che deve avere in giovani e donne i suoi principali protagonisti.”

Contributi alla formazione, sostegno al reddito e servizi solo per donne, e quindi che escludono gli uomini. Poi ovviamente gli uomini non possono e non devono occuparsi della famiglia (perché i padri non servono a nulla, giusto?), quindi parliamo del “conciliare famiglia e lavoro” solo per le donne, eh! *sarcasmo*

Fonte del programma: https://piueuropa.eu/cms/wp-content/themes/%2Beuropa/assets/files/programma.pdf

:: Civica Popolare ::

1) Leggiamo dal programma:
“Occupazione femminile. Raggiungere l’obiettivo 60% europeo”
E come farlo? Chiedendo alle donne di andare a lavorare? Probabilmente no, soprattutto se lo si vuole ottenere entro il 2022 come afferma la Lorenzin. Molto più plausibilmente mediante discriminazioni sul lavoro e nell’assunzione contro gli uomini, tramite quote rosa e altre misure anti-meritocratiche.

2) Sempre nel capitolo “Occupazione femminile” leggiamo: “Nelle aziende: defiscalizzazione degli investimenti per gli asili e il welfare aziendale; valorizzazione del ruolo della donna. Abbattimento della diseguaglianza retributiva di genere [che non esiste, N.d.R.].”

Cosa si intenda con valorizzazione del ruolo della donna, in relazione alle aziende, non si sa, potrebbe essere un “viva le donne” o un “diamo alle aziende che assumono donne tot soldi”. La frase è ambigua ma resta pericolosa.

3) “Sul fronte maternità: per ogni figlio un anno di contributi reali per un massimo di tre anni di riduzione dell’età pensionabile.”
Che ovviamente non si applica per gli uomini padri, e quindi discriminazione contro gli uomini sull’età pensionabile.

4) “Potenziare il Piano di Azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere;
Aiutare concretamente e tempestivamente le donne vittime di abusi e crimini domestici.”
Ovviamente escludendo le vittime maschili di stupro e violenza fisica/domestica.

Fonte del programma: http://www.civicapopolare.it/wp-content/uploads/2018/02/programma-al-15-02.pdf

:: Insieme ::

Dato che probabilmente non lo voterà nessuno ne parlo brevemente:
1) Luana Zanella e Monica Frassoni dei Verdi di Insieme affermano pubblicamente cose assurde come: “Gli uomini assumano problema del femminicidio” e “Crediamo anche che sia arrivata l’ora in cui gli uomini assumano come problema della differenza maschile, la violenza sulle donne.”
http://www.insieme2018.it/zanella-frassoni-uomini-assumano-problema-femminicidio/

2) Nel programma di Insieme troviamo:
– “L’utilizzo degli appalti pubblici per contribuire allo sviluppo dell’imprenditoria femminile”, ergo discriminazione legalizzata contro gli uomini e anti-meritocrazia;
– “L’introduzione di incentivi per il rientro al lavoro dopo la maternità. Le donne che tornano al lavoro dopo la maternità obbligatoria dovrebbero ricevere almeno tanto quanto quelle che prolungano il congedo, e cioè il 30% del proprio stipendio, per esempio sotto forma di bonus o di voucher per le spese di cura”, stesso discorso della mossa del PD, in sintesi gli uomini non solo non hanno e non avranno i mesi di congedo delle donne, ma addirittura le donne potranno avere lo stesso pagamento dei mesi di congedo (maggiori degli uomini) lavorando come gli uomini che ne sono privi. Praticamente si sta legalizzando che per un certo periodo le donne siano pagate di più degli uomini per lo stesso lavoro.
– “Il mantenimento dei cinque mesi obbligatori del congedo di maternità ma legandone solo tre al momento del parto, lasciando la fruizione degli altri due secondo accordo tra lavoratrice e datore di lavoro entro il primo anno di vita del bambino. L’introduzione di un mese di congedo di paternità obbligatorio, retribuito allo stesso livello di quello materno, da fruirsi entro il primo anno di vita del bambino, con l’obiettivo di coinvolgere i padri nella cura dei bambini.”
Ergo 5 mesi delle madri contro 1 dei padri (escludendo ulteriori mesi facoltativi solo per le madri). Quindi si legifererebbe ulteriormente la discriminazione contro i padri al posto di risolverla.
– “L’inserimento nel bilancio annuale del dato relativo alla percentuale di presenza femminile in rapporto alla forza lavoro complessiva”. Ovviamente questo implica una volontà di spingere ad una discriminazione legalizzata sul lavoro contro gli uomini nell’assunzione.
– “
Inserimento del codice “rosa” in tutti gli ospedali e aumento del Fondo per i centri antiviolenza contro il femminicidio.”
Leggasi: “esclusione delle vittime maschili di violenza dall’assistenza medica (codice rosa) e da quella dei centri antiviolenza”.

Fonte del programma: http://www.insieme2018.it/programma-elettorale-lista-insieme/

:: Potere al Popolo ::

1) Affermano che le donne “dedicano al lavoro domestico e di cura una media di oltre 5 ore al giorno, il triplo degli uomini”, non rendendosi conto che è ovvio visto che, come loro stessi affermano, “sulle donne si concentrano il part-time […] (più che doppio rispetto agli uomini)”. Perciò, se la matematica non è un’opinione, è normalissimo che se hai il part-time stai più tempo a casa rispetto a chi, come gli uomini, lavora full-time, e dunque lavori a casa di più. Non c’è discriminazione in questo, c’è solo differenza tra full e part-time. Le donne vogliono lavorare di meno a casa? Richiedano allora maggiormente lavori full-time!

2) Anche Potere al Popolo chiede “la stabilizzazione di “opzione donna””, ovvero discriminazione contro gli uomini nell’accesso alla pensione.

3) “la rottura del carattere monosessuato dello spazio pubblico e della politica”

Sembra molto rivoluzionario a leggersi, ma è solo un modo enfatico di chiedere le solite classiche quote rosa.

4) “una formazione che fornisca strumenti per decostruire il sessismo e educhi al riconoscimento della molteplicità delle differenze”
Da finto-rivoluzionariese a italiano: imporre ai bambini l’idea che se sei maschio sei automaticamente violento ed “educhiamo i maschi a non stuprare!” (pensiamo al caos se qualcuno proponesse qualcosa di analogo come “educhiamo i bambini stranieri a non stuprare/rubare o quelli islamici a non farsi esplodere”. Esatto, stiamo a questi livelli).

5) “la piena e reale libertà di scelta sulle proprie vite e i propri corpi, il pieno diritto alla salute sessuale e riproduttiva, negata in tante strutture pubbliche dalla presenza di medici obiettori”
Ma mi raccomando, la libertà di scelta non per i padri, ovvero nessun diritto alla rinuncia di paternità! Perché per le donne il consenso al sesso non è consenso alla riproduzione, mentre per gli uomini se fai sesso automaticamente accetti di diventare padre! Benvenuti nell’uguaglianza di genere del 21° secolo! *sarcasmo*

6) “soluzioni che inibiscano ogni forma di violenza (fisica, ma anche sociale, culturale, normativa) e discriminazione delle donne”
Ma non degli uomini, mi raccomando!

Fonte del programma: https://poterealpopolo.org/potere-al-popolo/programma/

Annunci