Femminismo è Teoria del Patriarcato, ecco le prove

Sebbene buona parte di coloro che contestano il femminismo siano effettivamente tradizionalisti, ossia gente che vorrebbe tornare ai vecchi ruoli, una critica progressista al femminismo può e deve esistere. Questa critica non è rivolta ai diritti femminili, ma ad un aspetto fondamentale della teoria (e della pratica) femminista: l’idea di Patriarcato. Parliamo di una teoria secondo la quale, nel corso della storia, gli uomini avrebbero sempre dominato le donne, opprimendole e relegandole nei ruoli peggiori. Come abbiamo spiegato in molti altri nostri articoli, le società umane sono nate invece come bisessismi, ossia sistemi di ruoli di genere che conferivano vantaggi e svantaggi ad entrambi i sessi. Tali ruoli opprimevano uomini e donne in modi diversi ma con la stessa intensità, come prezzo da pagare per la sopravvivenza in epoche molto più difficili di quella attuale.

La visione del mondo su cui si basa il femminismo, quella patriarchista, è quindi completamente sbagliata, basandosi essa su mere apparenze e interpretazioni distorte. Le conseguenze di questo enorme fraintendimento? Il femminismo, vedendo solo metà del sistema di genere, ha pensato che gli uomini avessero già tutti i diritti di questo mondo, e che per raggiungere la parità dei sessi bisognasse agire solo per le donne. Ed è questo ciò che ha fatto, ignorando completamente le problematiche maschili. O meglio, prima non si è accorto della loro esistenza, e oggi che gli MRA gliele fanno notare, continua a negarle o sminuirle. Il motivo è semplice: dare il dovuto spazio a tali questioni vuol dire ammettere di aver sbagliato tutto. Vaglielo a dire a chi si è identificato tutta una vita col femminismo, dedicandogli anni di militanza.
La Teoria del Patriarcato non è quindi solo un’analisi storicamente sbagliata, ma anche, per dirne una tra tante, una porta sprangata che chiude i centri antiviolenza agli uomini, e più in generale un lucchetto per tenere questi ultimi rinchiusi nella gabbia del loro ruolo di genere. Che avvenga consciamente o inconsciamente, volontariamente o involontariamente, con cattiveria o con un sorriso sulle labbra, questa credenza porta inevitabilmente a un grave immobilismo nei confronti delle questioni maschili.

“Questo lo dite voi! Dove sono le prove che il femminismo sia legato a una specifica teoria?”

Dopo aver riassunto brevemente le puntate precedenti, con questa domanda giungiamo al vero e proprio fulcro dell’articolo.
Il femminismo è indissolubilmente legato al patriarchismo fin dalla sua nascita. Di per sé, questo sarebbe già ampiamente intuibile dal nome del movimento e dal suo aver agito solo per le donne. Che senso avrebbe avuto concentrarsi sulle battaglie di un solo sesso se si fossero ritenuti entrambi uomini e donne ugualmente oppressi? Nessuno. Il movimento femminista non avrebbe avuto alcun senso senza il presupposto patriarchista. Non sarebbe mai nato, o al limite sarebbe nato assieme a un movimento per i diritti maschili, cosa che non avvenne.
Ma se questo non dovesse bastare a convincervi, andiamo a vedere direttamente le fonti storiche.

Del patriarchismo intrinseco al femminismo troviamo testimonianza già in quello che viene ritenuto da molti il documento di nascita di questo movimento, la Convenzione di Seneca Falls (1848). Nel testo, infatti, si legge: “La storia del genere umano è una storia di ricorrenti offese e usurpazioni attuate dall’uomo nei confronti della donna, al diretto scopo di stabilire su di lei una tirannia assoluta”.

Altri invece retrodatano la nascita del femminismo al 1791, anno della pubblicazione della Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, di Olympe de Gouges. Anche questo documento, però, è apertamente patriarchista. Questo è ciò che si legge nel preambolo (il grassetto è mio, come per tutte le citazioni da qui in avanti): “Uomo, sei capace d’essere giusto? È una donna che ti pone la domanda; tu non la priverai almeno di questo diritto. Dimmi? Chi ti ha concesso la suprema autorità di opprimere il mio sesso? La tua forza? Il tuo ingegno? Osserva il creatore nella sua saggezza; scorri la natura in tutta la sua grandezza, di cui tu sembri volerti raffrontare, e dammi, se hai il coraggio, l’esempio di questo tirannico potere. Risali agli animali, consulta gli elementi, studia i vegetali, getta infine uno sguardo su tutte le modificazioni della materia organizzata; e rendi a te l’evidenza quando te ne offro i mezzi; cerca, indaga e distingui, se puoi, i sessi nell’amministrazione della natura. Dappertutto tu li troverai confusi, dappertutto essi cooperano in un insieme armonioso a questo capolavoro immortale. Solo l’uomo s’è affastellato un principio di questa eccezione. Bizzarro, cieco, gonfio di scienza e degenerato, in questo secolo illluminato e di sagacia, nell’ignoranza più stupida, vuole comandare da despota su un sesso che ha ricevuto tutte le facoltà intellettuali; pretende di godere della rivoluzione, e reclama i suoi diritti all’uguaglianza, per non dire niente di più.”

E ancora:

“Articolo IV. La libertà e la giustizia consistono nel restituire tutto quello che appartiene agli altri; così l’esercizio dei diritti naturali della donna ha come limiti solo la tirannia perpetua che l’uomo le oppone; questi limiti devono essere riformati dalle leggi della natura e della ragione.”

L’errore fondamentale del femminismo, quello di considerare gli uomini come oppressori e non come soggetti da liberare dai loro ruoli di genere al pari delle donne, era quindi presente già dalla nascita del movimento. Come era ovvio, d’altronde.

Prendiamo ora in considerazione l’ipotesi che, nonostante il femminismo sia nato patriarchista, ora esistano correnti femministe libere da questo presupposto tossico e che continuano ad usare questo nome solo per motivi di continuità storica. Vediamo cosa hanno da dire vari studiosi in merito ai principi fondamentali che accomunano queste correnti tanto variegate.

Kenneth Clatterbaugh, professore di filosofia all’Università di Washington, scrive: “L’Anti-femminismo nelle sue varie forme nega uno o più dei tre principi generali che sono alla base della teoria femminista. Tutte le forme di femminismo accettano come abbastanza evidenti i seguenti principi. Primo, le disposizioni sociali tra uomini e donne non sono né naturalmente né divinamente determinate. Secondo, le disposizioni sociali tra uomini e donne favoriscono gli uomini. E terzo, esistono azioni collettive che possono e devono essere adottate per trasformare queste disposizioni in disposizioni più giuste o eque”. [1]

La filosofa politica Susan James scrive nella Routledge Encyclopedia of Philosophy che il femminismo è “fondato sulla credenza che le donne siano [ingiustamente] oppresse o svantaggiate rispetto agli uomini” (sebbene le femministe abbiano “molte interpretazioni delle donne e della loro oppressione”). [2]

L’autore e accademico femminista Michael Kaufman afferma in un articolo del 1999 che “l’idea di fondo del femminismo è l’ovvio fatto che quasi tutti gli esseri umani attualmente vivono in sistemi di potere patriarcale che privilegiano gli uomini e stigmatizzano, penalizzano e opprimono le donne”. Sebbene egli poi affermi che il “potere” degli uomini danneggi anche loro stessi, la sua posizione in merito è chiara: “Con questo non intendo equiparare il dolore degli uomini con le forme sistemiche e sistematiche dell’oppressione delle donne”. [3]

Nella Stanford Encyclopedia of Philosophy si legge che “l’affermazione che le donne siano sistematicamente in una posizione di subordinazione e che quest’ultima abbia un grave impatto sulla vita delle donne è il filo conduttore del femminismo”. [4]

Infine, citiamo i geopolitici Joe Painter e Alex Jeffrey: “Il femminismo è un movimento molto variegato, ma in generale si concentra sulla posizione diseguale delle donne e del femminile nei confronti degli uomini e del maschile”. [5]

In sintesi, sebbene il femminismo sia pieno di disaccordi interni, questi riguardano la natura del sistema che – sempre secondo il femminismo – porrebbe le donne in una situazione di svantaggio/oppressione, e non vertono sull’essere d’accordo o meno sul fatto che le donne se la passino peggio degli uomini.

Abbiamo quindi appurato che il femminismo non solo è nato patriarchista, ma lo è ancora oggi. E per quanto riguarda il futuro? Potrebbe smettere di esserlo e restare allo stesso tempo femminismo?
Essendo ormai definito da quella stessa teoria, un femminismo non patriarchista susciterebbe le stesse perplessità di un qualunque ossimoro. Semplicemente, non sarebbe femminismo. Ciononostante, una manciata di persone che per i motivi più disparati si definiscono così può esistere. Questa scelta è altamente personale e va rispettata; da rigettare, invece, la pretesa che si smetta di associare il femminismo alla Teoria del Patriarcato. Così come non si può smettere di associare le religioni abramitiche alla fede in un solo Dio, il tradizionalismo alla conservazione di norme sociali immutabili, o qualsiasi altra filosofia o ideologia alle rispettive idee cardine.


[H.]

Riferimenti

[1] Clatterbaugh, K. (2007). Anti-Feminism. In M. Flood, J. K. Gardiner, B. Pease, & K. Pringle (Eds.), International Encyclopedia of Men and Masculinities (pp. 21-22). New York, NY: Routledge. – https://books.google.it/books?id=T54J3Q_VwnIC&printsec=frontcover&dq=International+Encyclopedia+of+Men+and+Masculinities&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjLxdex9OLaAhUNPsAKHS_TCD0Q6AEIKzAA#v=onepage&q=anti-feminism&f=false

[2] James, S. (1998). Feminism. In E. Craig (Ed.), Routledge Encyclopedia of Philosophy. London, UK: Routledge. Retrieved from https://www.rep.routledge.com/articles/thematic/feminism/v-1

[3] Kaufman, M. (1999). Men, Feminism, and Men’s Contradictory Experiences of Power (pp. 59-60). London, UK: SAGE Publications. – http://www.michaelkaufman.com/wp-content/uploads/2009/01/men_feminism.pdf

[4] Willett, C., Anderson, E. & Meyers, D. (1999). Feminist Perspectives on the Self. In E. N. Zalta (Ed.), The Stanford Encyclopedia of Philosophy (Winter 2016 Edition). Retrieved from https://plato.stanford.edu/archives/win2016/entries/feminism-self/
[ https://archive.fo/gjw1K#selection-533.92-533.235 ]
[5] Painter, J. & Jeffrey, A. (2009). Political Geography: An Introduction to Space and Power (2nd ed., pp. 59-60). London, UK: SAGE Publications.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...