Maschicidio e femminicidio a confronto

Prima di tutto, diamo una definizione ragionevole del fenomeno di cui si sente tanto parlare. Andiamo per esclusione: il femminicidio non è l’uccisione generica di una donna, né l’uccisione di una donna “in quanto tale” (a meno che non ci troviamo di fronte a un serial killer che prende di mira le donne). La definizione più corretta sarebbe “l’uccisione di una donna da parte di un uomo per motivi di gelosia o possesso”. Tuttavia, dati sui moventi sono difficili da reperire. Quindi per semplicità diamo per scontato, anche se non lo è, che siano femminicidi tutte le uccisioni di donne da parte del compagno o ex, escludendo però la categoria “altri parenti” (perché questi parenti non è detto che siano uomini: prenderli in considerazione sovradimensionerebbe il dato).

I dati ISTAT affermano che in Italia il femminicidio (come inteso sopra) sia più frequente del maschicidio. Questo fa sì che in tanti scalpitino e si accalchino per trarne affrettate considerazioni sociologiche: gli uomini sono più violenti, viviamo in una cultura del possesso, bisogna rieducare gli uomini, gli uomini devono chiedere scusa, pene più elevate per femminicidio… Tutto questo a partire dalle azioni di un centinaio di pazzi l’anno, su una popolazione maschile di 30 milioni. Sarebbe ridicolo pure se i dati fossero indiscutibilmente quelli. Ma in realtà su di essi c’è tanto da dire.

Nello specifico, che il numero dei maschicidi è parecchio sottoriportato. I dati disponibili infatti si basano sulle incarcerazioni, perché per poter dire con certezza che un uomo o una donna è stato/a ucciso/a dal/la partner, è necessario che un giudice emetta un verdetto di colpevolezza e come è ovvio che sia quasi ogni condanna, trattandosi di omicidio e non di quisquilie, equivale a un’incarcerazione. Tuttavia, c’è un forte bias giuridico che riguarda la scelta degli indiziati, gli arresti, e le incarcerazioni, queste ultime soprattutto attraverso l’uso asimmetrico della scusante dell’autodifesa e l’enorme asimmetria nelle assoluzioni che ne deriva. Di tutto questo non possiamo non tener conto.

Partiamo proprio dal bias nelle incarcerazioni e vediamo un po’ di statistiche.

Per cominciare, Sonja B. Starr dell’Università del Michigan ha riscontrato che, a parità di reato, di precedenti e di altre variabili, “le arrestate femmine hanno […] due volte più probabilità di evitare il carcere se condannate” e “significativamente più probabilità di evitare accuse e condanne del tutto”.

[Starr, Sonja B., Estimating Gender Disparities in Federal Criminal Cases (August 29, 2012). University of Michigan Law and Economics Research Paper, No. 12-018.]

Weiss e Young (1996) ci mostrano, poi, che le donne che uccidono i propri mariti hanno il 12,9% di probabilità di essere assolte e il 17% di ottenere la libertà condizionale, mentre i mariti che uccidono le mogli hanno solo il l’1,4% di possibilità di essere assolti e appena l’1,6% di ottenere la libertà condizionale.

[Michael Weiss, Cathy Young. Feminist Jurisprudence: Equal Rights Or Neo Paternalism? Policy Analysis No. 256, Cato Institute, June 19, 1996.]

Le donne vengono assolte quasi dieci volte più spesso degli uomini. Ecco come si spiega questa sproporzione: spesso le donne violente utilizzano la scusante di aver agito per difendersi anche quando non è così, il che porta in molti casi a un’assoluzione anche per donne non innocenti, che dunque non verranno contate nelle statistiche degli omicidi. Infatti quando i ricercatori hanno incrociato personalmente le affermazioni delle donne violente che affermavano di aver agito solo per difendersi dal partner con i resoconti dei figli e delle madri di tali donne, la giustificazione della legittima difesa decadeva e risultava infondata nella maggior parte dei casi.

[Sarantakos, S. (2004). Deconstructing self defense in wife-to-husband violence. The Journal of Men’s Studies, 12(3), 277-296.]

Che le donne non agiscano veramente per legittima difesa più degli uomini è confermato da studi più ampi, come [Dutton DG, Nicholls TL. The gender paradigm in domestic violence research and theory: Part 1—The conflict of theory and data. Aggress Violent Behav. 2005;10:680–714.] e [Carrado M, George M, Loxam E, Jones L, Templar D. Aggression in British heterosexual relationships: a descriptive analysis. Aggress Behav. 1996;22:410–415.].

Il frequente abuso della scusante della legittima difesa da parte delle imputate porta spesso a un risvolto davvero drammatico: quello di rimettere in libertà un’assassina, talvolta acclamandola come se fosse una vittima.

Come già menzionato, ci sono poi bias anche negli arresti e nella scelta dei sospettati. Gli uomini hanno maggiore possibilità di essere arrestati a seguito di incidenti di violenza domestica, quindi presumibilmente anche in caso di omicidio. Ad esempio uno studio del 2007, analizzando i dati del National Violence Against Women Survey, è arrivato alla conclusione che “le donne che aggrediscono i loro partner uomini hanno una particolare probabilità di evitare l’arresto”.

[Felson, R. B., & Pare, P. (2007). Does the criminal justice system treat domestic violence and sexual offenders leniently? Justice Quarterly, 24, 435-459.]

Le cause di questi mancati arresti, proprio come quelle di tutti gli altri bias giuridici a sfavore degli uomini, sono da rintracciare nell’idea preconcetta che le donne siano più innocenti e meno in grado di esercitare violenza (figuriamoci di uccidere), che può influenzare gli stessi investigatori ed evitare a molte assassine di essere seriamente sospettate.

Inoltre, c’è ancora un altro fattore che aiuta le assassine donne ad evitare sospetti e accuse: l’arma del delitto. E’ più facile che una donna avveleni un uomo, invece di sparargli, e l’avvelenamento viene spesso registrato come infarto o incidente.

Infatti, solo il 5% degli assassini di sesso maschile usa il veleno per uccidere, mentre le assassine ne fanno uso nel 35% dei casi come unico metodo e in un altro 45% accompagnandolo con altre strategie di uccisione.

[Ronald Hinch and Crystal Hepburn. ‘Researching Serial Murder: Methodological and Definitional Problems. Electronic Journal of Sociology (1998), 3, 1-11.]

Nonostante sembri un metodo poco usato, in realtà nel 2002 sono morte 26.435 persone di intossicamento negli USA [Violence and Injury Prevention Program (Utah). Complete indicator profile of poisoning incidents (updated on 10/27/09, published on 10/29/09). Utah’s Indicator-Based Information System for Public Health (IBIS-PH); Utah. Center for Health Data.], di cui 3.336 con “intento indeterminato”, vale a dire morti sospette.

[https://web.archive.org/web/20050831214544/http://www.nsc.org/lrs/statinfo/odds.htm]

Per riassumere, i dati ufficiali di femminicidio e maschicidio, che mostrano un’asimmetria di genere, si basano sulle incarcerazioni e quindi non sono affidabili per fare paragoni.
Infatti lo stereotipo della donna innocente (infantilizzazione) e l’uso di strategie di assassinio più discrete fanno sì che una donna assassina abbia

  • meno possibilità di essere sospettata o accusata
  • se sospettata, meno possibilità di essere arrestata
  • se arrestata, meno possibilità di essere condannata (perché i giudici si bevono la scusa dell’autodifesa anche nei tanti casi in cui non è vero)
  • se condannata, meno possibilità di essere incarcerata (e, se incarcerata, condannata a pene del 63% più brevi).

Considerato questo, e visto che per le altre forme di violenza tra i sessi c’è simmetria di genere, pur non potendo in questo caso fare delle stime precise a causa dei numerosi fattori che concorrono nel creare voragini nel dato ufficiale ISTAT e nelle rilevazioni statistiche dei maschicidi in generale, la conclusione più logica è che il dato reale dei maschicidi sia paragonabile in tutto e per tutto al numero dei femminicidi.

——————————————————–

L’articolo è un collage ordinato fatto di spezzoni di altri nostri articoli. Un sentito grazie a M. per averlo compilato in larga parte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...