Per sconfiggere il sessismo bisogna prima capirlo

“Se conosci il tuo nemico e te stesso, non hai bisogno di temere il risultato di cento battaglie. Se conosci te stesso ma non il tuo nemico, per ogni vittoria guadagnata soffrirai anche una sconfitta. Se non conosci il tuo nemico e nemmeno te stesso, soccomberai in ogni battaglia.” – Sun Tzu, L’Arte della Guerra

Ho notato che molti utenti spesso travisano i nostri post e articoli pensando che giustifichino il sistema tradizionalista, o addirittura credono che siamo islamici o cristiani fondamentalisti perché analizziamo sistemi estremi come quelli dell’Arabia Saudita e dell’Afghanistan, i versi di Paolo di Tarso, la questione delle donne sacerdotesse in queste religioni e molti altri temi “tabù” visti come “esempi lampanti del maschilismo”. Niente di più lontano dalla realtà.
Il punto è che esistono una serie di idee, di principi (come la Teoria del Patriarcato), che ci fanno credere che i sistemi che hanno escluso le donne da alcune mansioni abbiano avuto origine da una concezione di dominazione maschile. Anche quando si riesce a scardinare questo concetto per gli ambiti più diffusi, persiste comunque l’idea che certe cose, certe società “estreme” come quelle mediorientali o del passato, certe concezioni islamiche e cristiane fondamentaliste, ecc. siano comunque eccezioni. Che almeno queste siano improntate sull’idea dell’uomo che domina la donna.

Ecco dunque che il motivo per cui andiamo di sistema estremo in sistema estremo ad analizzarli e vederne i perché non è per giustificarli, anzi!

Non è un dire “sì questo sistema ha ragione”, ma un dire “questo sistema funziona così perché ha una X logica e non per via di una volontà maschile di dominare le donne”.

Poi ovviamente molti motivi al giorno d’oggi non hanno più senso di esistere e li vediamo giustamente come assurdi. Ma pensare che siano assurdi non perché la nostra società sia cambiata ma perché siano una maschera per occultare la volontà di opprimere le donne equivale al proiettare i nostri valori moderni, individualisti e secolari in società del passato che avevano valori tradizionalisti, collettivisti e religiosi.

Il nostro scopo non è dunque quello di giustificare i sistemi del passato, ma di comprenderli. Perché se li comprendiamo possiamo capire su cosa si reggevano, come erano impostati i ruoli di genere nel passato e come superarli efficacemente con un’analisi più seria delle chiacchiere da bar del tipo “buh è colpa della misoginia”.

Citando Karen Straughan:

“Ho chiesto se potesse pensare a qualche ragione, oltre a “gli uomini sono privilegiati” o “per via del pene”, che spiegasse questo uso”.

Ecco quello che stiamo facendo. Stiamo cercando di capire quale altra ragione, oltre a “gli uomini sono privilegiati” o “per via del pene”, spieghi gli usi che la società moderna ha così frettolosamente voluto categorizzare come espressioni estreme di maschilismo.

“Quali erano i motivi e i bisogni collettivi che reggevano questi sistemi? Quali erano i vantaggi che davano alle donne? Quanto erano diversi i bisogni dell’epoca rispetto a quelli di adesso? Questi vantaggi che oggi ci sembrano secondari quanto erano primari in passato?”.
Questo è ciò che ci chiediamo.

E cerchiamo anche di vedere la prospettiva da un punto di vista cross-culturale, trans-culturale. Perché magari un aspetto apparentemente misogino nella nostra cultura si ritrova anche in altre a parti invertite e non ci crea il medesimo scandalo, oppure in altre culture il suo significato originario è più esplicito ed altrettanto esplicita è la comprensione di quale sia il vantaggio che le donne ricavano da un simile sistema.

Solo capendo tutto questo, comprendendo il sessismo, potremo distruggere veramente il sessismo. Se non comprendiamo un sistema come possiamo attaccarlo efficacemente? Sferreremmo soltanto colpi al buio, con tutti i rischi che ne conseguono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...